Borse 2 giugno, giornata dei mercati Ue in positivo. Milano ha guadagnato oltre lo 0,2 per cento.

MILANO – Borse 2 giugno. E’ stata una giornata positiva per i mercati europei. I listini del Vecchio Continente hanno chiuso in positivo anche se la crescita è stata leggermente più debole rispetto ad altre volte. Le riaperture dovrebber consentire nei prossimi giorni di arrivare ad una ripresa più importante per l’economia.

Borse 2 giugno, Piazza Affari apre in rialzo

E’ stata una giornata positiva per quanto riguarda il Vecchio Continente. Gli investitori sono convinti in una ripartenza dell’economia con un calo dei contagi e da qui una seconda giornata del mese in rialzo. La Maglia Rosa di questa seduta è stata Parigi con un rialzo dello 0,5%. Bene anche Londra (+0,41%), mentre Francoforte e Milano sono state più caute con una chiusura rispettivamente allo 0,2% e 0,25%.

La giornata dei mercati si era aperta con un trend contrastato in Asia. La migliore è stata proprio Tokyo con un guadagno dello 0,46%. In leggero rialzo anche Seul (+0,07%), mentre sia Hong Kong (-0,75%) che Shanghai (0,76%) hanno registrato una chiusura in negativo. Un trend che potrebbe essere cambiato nella giornata di giovedì vista la chiusura in positivo di Wall Street. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,07%, il Nasdaq lo 0,14%.

I mercati in tempo reale

Borsa Milano
Borsa Milano

Spread in discesa

Non si ferma la discesa dello spread. Il differenziale ha chiuso in area 103 punti con il decennale che si è assestato intorno allo 0,89%. Per la moneta europea un leggero calo rispetto alla giornata di martedì. L’euro è passato di mano a 1,2207 dollari (-0,05%), mentre è scambiato a 133,79 yen. Continua la crescita del petrolio.

In questa giornata è stato il petrolio protagonista. Il contratto Wti ha chiuso le contrattazioni per la prima volta sopra i 70 dollari al barile. Un trend che si spera continui anche nelle prossime settimane con l’obiettivo di riuscire a mettersi alle spalle il momento complicato per la pandemia.


Marijuana, Amazon a favore della legalizzazione: niente più controlli su positività prima di assunzione

Gentiloni: “Gli Stati dovrebbero dare priorità a politiche che aumentino investimenti pubblici e privati”