Borse 22 luglio 2021. Piazza Affari in positivo e spread in calo. Per il petrolio in rosso.

MILANO – Borse 22 luglio 2021. Una mattinata di attesa e poi il cambio di pass in positivo nel pomeriggio. E’ stata questa la giornata dei i mercati del Vecchio Continente in questa quarta seduta della settimana. Le decisioni della Bce sono state decisive per girare in rialzo dopo un periodo molto complicato per la variante Delta.

La ripresa economica resta molto incerta. Il ritorno di numeri alti della pandemia potrebbero portare ad ulteriore chiusure e per questo motivo non si esclude un nuovo passo indietro. Le prossime settimane saranno decisive per capire se si potrà continuare con la ripartenza oppure si dovrà effettuare un intervento per sostenere imprese e famiglie.

In Asia andamento positivo

Penultima seduta della settimana che ha visto Milano chiudere in positivo. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,5% in una sessione che ha visto andare molto bene le Banche. E’ stato, in generale, un giovedì positivo per i mercati europei. L’unica a chiudere in negativo è stata Londra con un -0,43%. Bene, invece, Francoforte (+0,60%), Parigi (+0,26%) e Madrid (+0,64%).

La giornata dei mercati si è aperta con un andamento positivo in Asia. Con Tokyo chiusa per festività, Hong Kong e Shanghai hanno guadagnato rispettivamente l’1,76% e lo 0,58%. Bene anche Seul +1,07%. Per Wall Street una giornata in positivo. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,07%, il Nasdaq lo 0,36%.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Petrolio in rosso

Lo spread si conferma in calo. Il differenziale ha chiuso in area 106 punti, con il rendimento decennale che si è assestato allo 0,63%.

Giornata, invece, in rosso per il petrolio dopo due giorni di rialzo. Il contratto Wti, in scadenza a settembre, ha registrato una perdita dello 0,04% a 70,03 dollari al barile. Male anche il Brent (-0,5%) a 71,90 dollari.


Riforma del Fisco, il ministro Franco: “Sarà un provvedimento graduale”

Decreto Sostegni bis è legge, via libera del Senato