Borse 28 giugno, la variante Delta spaventa i mercati. Listini europei in forte calo. Milano perde oltre l’1 per cento.

MILANO – Borse 28 giugno. Una settimana che si è aperta in negativo nel Vecchio Continente per la variante Delta. Le misure restrittive che stanno ritornando e i contagi che in alcune zone hanno registrato una leggera risalita non hanno fatto molto bene ai mercati europei, con il comparto del turismo e delle compagnie aeree che sono andati in sofferenza.

Nelle prossime settimane saranno fondamentali per i mercati. La speranza degli esperti resta quella di poter avere una nuova ripresa anche se le incognite restano tante. E, in questo momento, la mutazione indiana resta uno degli ostacoli più importanti della ripresa dell’economia.

Borse 28 giugno, Milano in negativo

E’ stata una giornata davvero complicata per i mercati Europei. Tutti hanno chiuso in rosso ma la maglia nera della sessione è stata Milano con un rosso dell’1,11% rispetto alla chiusura di venerdì. Male anche Parigi (-0,98%) e Londra (-0,88%), mentre Francoforte ha tenuto un po’ di più anche se ha lasciato per strada lo 0,34%.

La giornata era stata aperta dalle difficoltà in Asia per dei forti temporali. Alla fine della seduta Tokyo ha chiuso in flessione lasciando per strada lo 0,06%. Una sessione che rischia di ripetersi anche martedì vista la chiusura mista negli Usa. Il Dow Jones ha perso lo 0,44% e il Nasdaq ha guadagnato lo 0,98%.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Lo spread ha registrato un leggero calo chiudendo in area 107 punti base. Giornata poco mossa anche per l’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1935 dollari e 132,10 yen.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, è stata una seduta in lieve calo in attesa delle prossime decisioni dell’Opec+, riunione che potrebbe decidere un aumento della domanda. Il contratto Wti in scadenza a giugno ha registrato un calo dell’1,31% chiudendo a 73,08 dollari al barile.


Stop al Cashback dal 30 giugno

Blocco dei licenziamenti, Landini: “La decisione del governo non risponde alla nostra richiesta”