Per la prima volta dalla sua proclamazione, Re Carlo nomina Rishi Sunak come nuovo premier a Buckingham Palace.

Ieri si è tenuta la nomina ufficiale di Rishi Sunak come nuovo presidente britannico. A proclamarlo è stato Re Carlo III, un evento vissuto per la prima volta da quando è diventato sovrano del Regno Unito. Pur seguendo il protocollo della sua defunta madre, il Re ha attuato delle modifiche che hanno rotto la tradizione portata avanti da Elisabetta.

Re Carlo III
Re Carlo III

Nella giornata di ieri, Re Carlo III ha accolto a Buckingham Palace il nuovo premier Rishi Sunak, assegnandogli l’incarico di formare il nuovo governo dopo le dimissioni di Liz Truss. Per la prima volta per il sovrano dalla sua proclamazione: il Re ha seguito correttamente tutti i passaggi rompendo però solo una tradizione che portava avanti sua madre, la Regina Elisabetta.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Qual’è stata la differenza?

La cerimonia si è svolta, certamente, a Buckingham Palace, dove Carlo III è arrivato in auto. Solo Liz Truss fu nominata nuova premier al castello di Balmoral, perché la sovrana era malata e non poteva tornare a Londra. La differenza con la nomina di Sunak sta nella sala dell’incontro.

Mentre la Regina nominava i suoi primi ministri in una stanza blu, la cosiddetta aula di tribunale di Buckingham, Re Carlo ha ricevuto Sunak nella Sala del 1844, ovvero dove ebbe luogo nel 1844 l’udienza con lo zar Nicola I. E’ cambiata anche la durata dell’incontro, che si è tenuta per mezz’ora in più rispetto a quanto fatto in passato da Elisabetta.

Nigel Fletcher, storico politico del King’s College di Londra, ha spiegato che l’uso da parte del re della Sala del 1844, dove ora sembra tenere tutte le sue udienze, potrebbe essere correlato al fatto che la sala delle udienze faceva parte degli appartamenti privati della sua defunta madre.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-10-2022


Putin avverte: “Alto rischio di conflitto mondiale”

Pos: i tabaccai possono rifiutare pagamenti con carta