Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato a San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. Aperta un’indagine per omicidio.

SAN GIULIANO TERME (PISA) – Giallo a San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, dove nella serata di domenica 25 luglio è stato trovato il cadavere carbonizzato di un uomo. La scoperta è stata fatta da una ragazza e la Procura ha aperto un’indagine per omicidio.

Come riportato dall’Ansa, il corpo appartiene ad uno studente siciliano scomparso da Pisa sabato 24 luglio. Non sono chiare le cause della morte e il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo. Le piste al vaglio degli inquirenti sono diverse e per questo motivo si preferisce non escludere niente.

Cadavere carbonizzato in provincia di Pisa, indagini in corso

La Procura di Pisa ha aperto un’indagine per accertare meglio quanto successo. L’allarme è stato lanciato da una ragazza che stava facendo una passeggiata in quella zona. Immediato l’intervento da parte personale del 118 e subito dopo sono arrivati anche i carabinieri della stagione di San Giuliano Terme.

Il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso. L’indagine è in corso e gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi. Sul posto sarebbero stati rinvenuti più punti di innesco delle fiamme e per questo motivo si pensa ad un omicidio. Ma i punti da chiarire sono diversi e per questo motivo non sarà semplice risalire alla ricostruzione di quanto successo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Il sindaco di San Giuliano Terme: “E’ un episodio grave”

Ferma la condanna anche del sindaco di San Giuliano Terme. “E’ un episodio grave quello che è accaduto nel nostro territorio – ha detto il primo cittadino Sergio di Maio – aspettiamo lo sviluppo delle indagini dei carabinieri del comando provinciale di Pisa per capire cosa è successo, per il momento è prematuro sbilanciarsi“.


Attentato in Afghanistan, attacco a uffici dell’Onu

Malore durante un concerto per Gaetano Curreri, il leader degli Stadio in terapia intensiva