La nuova formula dei calci di rigore ABBA ha avuto ufficialmente il via anche in Inghilterra in occasione della Community Shield e ben presto la vedremo in tutte le competizioni.

Cari appassionati di calcio, si cambia! Dopo che recenti studi hanno evidenziato come nella lotteria dei calci di rigore nel 60% dei casi a vincere è la prima squadra a battere dal dischetto, l’Ifab, unico organo con il potere e il compito di cambiare le regole del calcio, ha deciso di cambiare rotta presentando all FIFA il modello ABBA, sperimentato per la prima volta negli Europei femminili e introdotto dalla Federazione inglese in occasione della gara di Community Shield che ha visto di affrontarsi il Chelsea di Antonio Conte e l’Arsenal di Arsene Wenger.

Antonio Conte e Arsene Wenger
Antonio Conte e Arsene Wenger

Calci di rigori ABBA, perché si cambia: lo studio di due professori spagnoli

Due professori spagnoli, Ignacio Palacios-Huerta e José Apesteguia, hanno preso in analisi oltre 2900 rigori in un arco di tempo che va dal 1970 al 2008. Dallo studio del materiale è emerso che chi inizia a calciare la serie ha il 21% di probabilità in più di aggiudicarsi la sfida.

La nuova formula dei calci di rigore ABBA approda in Inghilterra: ecco come funziona

La formula ABBA funziona in sostanza come i tie-break (traduzione letterale pausa cravatta) nel tennis: chiamiamo squadra A quella che vince il sorteggio e batterà il primo calcio di rigore. Subito dopo toccherà alla squadra B che ne batterà due consecutivi mentre a chiudere la prima serie sarà ancora il club A. La seconda sessione si aprirà al contrario: la B aprirà e chiuderà mentre nel mezzo ci saranno i due calci di rigore di A.

Ah, per la cronaca: la sfida di Community Shield l’ha vinta l’Arsenal ai rigori, ossia la squadra che ha battuto per… seconda! Il passato per fortuna (o per sfortuna) non si può cambiare, ma l’impressione è che una nuova storia sta per iniziare. Magari più equilibrata…

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 09-08-2017


Italia, Giampiero Ventura rinnova fino al 2020. Tavecchio: “Piena fiducia”

Zlatan Ibrahimovic al Milan, il ritorno è “sponsorizzato” dalla moglie