Calenda contro la sinistra: "Deve essere fermato"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Calenda contro la sinistra: “Deve essere fermato”

Carlo Calenda

Tra le dichiarazioni di Calenda e Renzi, il dibattito politico si accende.

Carlo Calenda, leader di Azione, ha recentemente espresso il suo punto di vista sul concetto di “campo largo” nella politica italiana, un tema che continua a dividere l’opinione pubblica e gli stessi partiti.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Durante un’intervista a Sky Tg24, Calenda ha categoricamente dichiarato: “Il campo largo non esiste, è il rantolo di una seconda Repubblica che muore e questo scempio deve essere fermato. L’obiettivo di Azione è fermarlo“. Queste parole riecheggiano un senso di urgenza e di critica verso un’idea politica che, secondo lui, non ha più ragione di esistere.

Carlo Calenda
Carlo Calenda

Il “campo largo”: la critica di Calenda

Nonostante le alleanze in Abruzzo con Pd e M5s a sostegno del candidato civico D’Amico, Calenda precisa: “Sosteniamo un candidato civico, non è del Pd o di M5s, ma è un civico e lo sosteniamo perché è bravo e questa deve essere l’unica bussola“.

Questo chiarimento sottolinea una distinzione importante per Azione, che pur partecipando a coalizioni circoscritte, rifiuta l’idea di un’apertura incondizionata verso il campo largo, considerato più un artificio politico che una reale strategia di governo.

L’Europa al centro del dibattito

Sul fronte europeo, Matteo Renzi annuncia le sue intenzioni in vista delle prossime elezioni del 8 e 9 giugno, ponendo l’accento sulla necessità di un rinnovamento dell’Unione Europea.

Renzi afferma: “L’Europa deve darsi una smossa, altrimenti finirà a fare la bella statuina tra Usa e Cina: a Bruxelles va mandata gente competente nel creare lavoro e parlare di geopolitica. È tempo di coraggio, noi ci siamo. E io sarò candidato in tutte le circoscrizioni“.

Le sue parole anticipano un impegno chiaro e deciso per un’Europa più forte e influente sullo scenario internazionale, sottolineando l’importanza di competenze specifiche e di un approccio proattivo nei confronti delle grandi questioni geopolitiche.

Tra le priorità evidenziate, la questione ucraina si impone come cruciale, evidenziando le divergenze interne al panorama politico italiano, in particolare tra Pd e M5s. Calenda critica queste divisioni, ponendosi la domanda: “E allora, di cosa stiamo parlando?“.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2024 11:49

Covid, la commissione fa ancora paura: la sinistra pronta al boicottaggio

nl pixel