Cosa sono le calzette da neve per auto e come si montano? E soprattutto sono omologate per la circolazione? Ecco tutto quello che c’è da sapere!

Quando si va in montagna, o comunque quando si percorre una strada in cui è caduta neve in abbondanza, magari in pendenza, si rendono necessarie delle misure specifiche per non far sì che le ruote scivolino sul battistrada. Questo infatti potrebbe essere molto pericoloso, perché si perderebbe il controllo del veicolo e si rischierebbero incidenti. Ecco che vengono in aiuto le calzette da neve, un’utile alternativa alle catene da neve, ma che sono ancora messe in dubbio dalle istituzioni ufficiali per la loro omologazione. Sicuramente esse possono sostituire le catene in momenti di difficoltà. Ecco una definizione, cosa dice la legge italiana in merito e come si montano!

Cosa sono le calze da neve?

Per dare una definizione delle calzette da neve, bisogna dire che sono dei dispositivi atti a continuare il proprio percorso, con maggior sicurezza, su tratti innevati di strada. Sono realizzate sotto forma di telo in poliestere e sostituiscono la funzione base delle catene da neve, anche se possono avere dei limiti strutturali, motivo per cui sono sempre state messe in dubbio dai legislatori italiani.

Calzette da neve
Calzette da neve

Il limite principale delle calze da neve è proprio il materiale di cui sono fatte, ovvero il poliestere, un materiale plastico non proprio resistente e facile all’usura. Quando si può manifestare maggiormente questa usura? Nei tratti non proprio innevati, quando ad esempio si viaggia in una galleria, vanno sempre bene (non si è costretti in sostanza a smontarli come avviene per le catena), ma si rovinano facilmente. Da questo punto di vista le catene da neve sono molto più solide.

I pro delle calze quindi sono nella loro versatilità, nel prezzo basso di acquisto e la maggior velocità che si può procedere con l’auto (fino a 50 km/h). I contro, invece, come abbiamo detto, sono il loro rapido deterioramento, ma non che offrono una minor sicurezza alla guida su tratti innevati.

Calze da neve omologate? Cosa dice la legge

La norma che come prima ha stabilito che le calzette da neve fossero “legali” e utilizzabili sulle strade in Italia è stata la UNI 11313. Essa, risalente dal 2011, ha confermato che questi dispositivi sono idonei all’uso perché superano gli standard di sicurezza. Inoltre, queste possono essere acquistate anche fuori dal nostro paese e dall’Unione Europea, anche se devono osservare gli stessi criteri di omologazione italiani.

Questo provvedimento ha sancito anche l’omologazione di queste su mezzi di trasporto delle categorie M1, N1, O1 e O2.

C’è stato però un contenzioso tra il produttore di calze da neve norvegese Autosock Operations e il Ministero dei trasporti, tanto che la questione è stata presa in esame dal Tar del Lazio nel 2012. In questa sed veniva chiesto l’annullamento della nota ministeriale, con data 11 luglio 2012, che sanciva l’equivalenza tra la calze da neve e gli pneumatici invernali.

Alla fine è stato sancito dal Ministero dei trasporti che questa nota ministeriale non era valida, perché non conforme con i requisiti della UNI 11313. In definitiva questi dispositivi non si possono legalmente montare finché non saranno approvate definitivamente dal Ministero, ma per quanto riguarda la loro efficacia è dimostrato che possono sostituire egregiamente le gomme invernali e anche le catene da neve.

Calze per pneumatici: come si montano

A differenza del montare le catene da neve, per mettere sulle ruote le calze si può fare più fatica, perché in condizioni di freddo e ghiaccio risulta impegnativo. Ecco però un video dove è spiegato il procedimento di montaggio:

Non si tratta di qualcosa di troppo difficile, ma è sempre bene usare gli pneumatici invernali o avere con sé le catene, in modo anche di non incorrere in sanzioni.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
approfondimento

ultimo aggiornamento: 13-01-2021


F1, si parte dal Bahrain, poi si corre ad Imola: il nuovo calendario

Le macchine di Cristiano Ronaldo: un garage da urlo