“La Camera approva con 358 voti favorevoli, la mozione Quartapelle Procopio concernente iniziative di competenza a favore di Patrick Zaki, con particolare riferimento al conferimento della cittadinanza italiana”.

La Camera ha approvato la mozione con la quale si richiede di avviare tempestivamente le verifiche per conferire la cittadinanza italiana a Patrick George Zaki

L’Aula ha approvato, con 358 voti favorevoli, la mozione Quartapelle Procopio ed altri n. 1-00421 concernente iniziative di competenza a favore di Patrick Zaki, con particolare riferimento al conferimento della cittadinanza italiana“, si legge nella nota pubblicata sul sito della Camera.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

La Camera approva la mozione per il conferimento della cittadinanza italiana a Zaki

La mozione è stata approvata all’unanimità ma con l’astensione dei deputati di Fratelli d’Italia. In base alla mozione, il governo dovrà avviare “tempestivamente mediante le competenti istituzioni le necessarie verifiche al fine di conferire a Patrick George Zaki la cittadinanza italiana“.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Cosa prevede la mozione

Inoltre con la mozione il governo si impegna “a continuare a sostenere, nei rapporti bilaterali con l’Egitto e in tutti i consessi europei ed internazionali, l’immediato rilascio di Patrick Zaki e di tutti i prigionieri di coscienza: difensori dei diritti umani, giornalisti, avvocati e attivisti politici finiti in carcere solo per aver esercitato in modo pacifico i loro diritti fondamentali“. Infine la mozione prevede che il governo continui ad adottare iniziative affinché le autorità egiziane rispettino i diritti alla libertà di espressione, associazione e di manifestazione pacifica spezzando “il circolo dell’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani in corso nel Paese“.

TAG:
politica primo piano

ultimo aggiornamento: 07-07-2021


Speranza, “Vogliamo chiudere la stagione dei tagli al Servizio sanitario nazionale”

Trump: “Hitler ha fatto cose buone”