Cashback per bollo auto, multe e assicurazione: come ottenere il rimborso.

Il cashback può essere utilizzato anche per il bollo auto, le multe e l’assicurazione. La conferma arriva da Palazzo Chigi che illustra le regole per poter usufruire del rimborso. Le regole sono sostanzialmente quelle che abbiamo imparato a conoscere nel corso di dicembre quando abbiamo conosciuto il cashback di Natale, o cashback straordinario.

Esenzione Bollo
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/parcheggio-autos-veicoli-traffico-825371/

Cashback per bollo auto, multe e assicurazione

Come specificato da Palazzo Chigi, il cashback, cioè il rimborso del 10% sulle operazioni effettuate con metodo di pagamento elettronico in un negozio fisico, può essere utilizzato anche per pagare il bollo dell’auto, le multe e l’assicurazione.

Le condizioni sono due. Il pagamento deve essere effettuato con un sistema di pagamento elettronico tracciabile e l’operazione deve avvenire in un negozio fisico, quindi non online. Ovviamente si deve essere registrati al programma cashback e bisogna effettuare l’operazione con il sistema di pagamento registrato.

Si può effettuare il pagamento presso agenzie, uffici postali, tabaccherie e tutte le realtà fisiche che consentono questo tipo di pagamento.

La soluzione è particolarmente conveniente per pagare le multe. Il rimborso del 10% (fino ad una restituzione massima di 15 euro ad operazione) si somma al 30% di sconto di cui gode chi paga entro cinque giorni dalla ricezione della multa.

Carta di credito
Carta di credito

Il rifornimento di benzina

Ricordiamo inoltre, per rimanere nel mondo dei motori, che è possibile sfruttare il cashback anche per i rifornimenti di carburante. Accertatevi che il distributore aderisca al piano e sia quindi idoneo. Il rischio è che il pagamento non venga registrato.

Per ulteriori informazioni consultare il sito dell’app IO, che riepiloga il regolamento del rimborso.


Recovery fund, von der Leyen, “Negoziato buono con l’Italia”. Accordo Ue-Pfizer per 300 milioni di dosi

Aggiornamento privacy di WhatsApp, il Garante della privacy: “Informativa poco chiara”