Caso Ciro Grillo, La Verità pubblica i verbali dell’interrogatorio della ragazza che ha denunciato di essere stata violentata.

La Verità presenta nuovi dettagli del caso Ciro Grillo pubblicando i verbali dell’interrogatorio della 19enne che ha accusato il figlio del garante del M5S e alcuni suoi amici di violenza sessuale.

Caso Ciro Grillo, i verbali dell’interrogatorio della 19enne che ha denunciato la violenza

Il quadro che emerge dai verbali pubblicati da la Verità è in qualche modo agghiacciante ma va detto, per dovere di cronaca, che si tratta della versione dei fatti dell’accusatrice. Starà agli inquirenti e ai giudici fare il punto della situazione confrontando la versione dell’accusa con quella della difesa che tutela Ciro Grillo e i suoi amici accusati dalla giovane. Quindi i verbali pubblicati dal quotidiano non devono essere interpretati come la versione definitiva dei fatti.

“Mi sono seduta a terra accanto a lei l’ho svegliata, inizialmente non riuscivo bene a parlare, mi chiedeva che cosa avevo e le dicevo ‘mi hanno violentata’. R. inizialmente non capiva e glielo ripetevo, poi le chiedevo se potevamo andare a casa. R. si è seduta sul divano e mi ha fatto spallucce: io ho ripetuto di andare via perché stavo male e mi avevano violentata, ma lei non diceva nulla. Io l’ho presa e l’ho fatta alzare dal divano, le ho detto di vestirsi per andare via“, si legge nel verbale.

Carabinieri
Carabinieri

“Mi afferrava con forza la testa e mi forzava a bere il liquore”

Nel verbale c’è anche la parte in cui la giovane sarebbe stata costretta a bere alcolici dopo essere stata afferrata per i capelli.

“Sul tavolo c’è una bottiglia di vodka dall’odore ‘strano’ e che secondo i ragazzi ‘è impossibile da finire’. V. a questo punto si sarebbe alzato e diretto con il liquore verso S.: ’Mi afferrava con forza la testa, con una mano mi teneva il collo da dietro e con l’altra mi forzava a berla tutta, Sentivo che mi girava la testa dopo avere bevuto, non ricordo bene”.


Covid, le varianti sono più pericolose anche per i giovani. Triplicato il rischio di ricoveri

Incidente a Roma, morto uno dei medici che salvò la vita a Manuel Bortuzzo