Noto dj italiano di fama internazionale morto in Francia, le autorità indagano per omicidio.

In Francia si indaga per la morte di un dj italiano, presumibilmente ucciso con una coltellata. La vittima è Davide Masitti, Da Frikkyo, 49enne originario di Modena e residente a Saint Michel de Castelnau, un piccolo paese con poche centinaia di abitanti. Sul caso del dj italiano morto in Francia le autorità indagano per omicidio.

Dj italiano morto in Francia

Come ricostruito da il Resto del Carlino, il dj italiano è morto lo scorso martedì. Sul corpo del 49enne era evidente il segno di una coltellata che lo ha raggiunto al fianco. E l’ipotesi degli inquirenti è che proprio quel fendente possa essere stato fatale per il dj.

Musica Dj
Musica Dj

Si indaga per omicidio

Gli inquirenti indagano per omicidio e sempre secondo il Resto Del Carlino la compagna sarebbe in custodia giudiziaria. Secondo gli investigatori la compagna lo avrebbe colpito con una coltellata ma senza la volontà di ucciderlo. La donna ha respinto ogni accusa facendo sapere che Davide si sarebbe ferito da solo.

Alcuni parenti della vittima, intercettati dalla stampa locale, hanno detto di non credere all’ipotesi che Davide possa essere stato ucciso dalla sua compagna. “Sull’ipotesi che la compagna possa essere la responsabile, in qualche modo, lo escludo categoricamente“, ha dichiarato il fratello di Davide.

Al momento la morte dell’italiano resta un giallo. Manca un colpevole, manca un movente e manca una possibile ricostruzione della dinamica.

Polizia Germania
Polizia Germania

Chi era Davide Maissitti – Da Frikkyo

Davide Masitti, in arte Da Frikkyo, era un Dj di fama internazionale, considerato come uno degli artisti di spicco per quanto riguarda il settore della musica elettronica. Alla notizia della morte, diverse radio hanno deciso di dedicare uno spazio al dj, per ricordarlo con le note delle sue canzoni.


Due barche si scontrano in Bangladesh sul fiume Padma: bilancio grave, almeno 25 morti

Covid, le varianti sono più pericolose anche per i giovani. Triplicato il rischio di ricoveri