Lucas L. avrebbe confessato di aver violentato e ucciso Justine Vayrac, nella giornata di sabato scorso, a Brive.

Lucas L. è l’uomo colpevole di aver ucciso Justine, la mamma francese di 20 anni stuprata ed assassinata dopo aver trascorso una serata in discoteca. L’assassino della giovane è un agricoltore di 20 anni, ed è colpevole di aver tolto la vita a Justine Vayrac, la 20enne scomparsa sabato scorso a Brive, in Francia.

Il cadavere della donna è stato rinvenuto a distanza di quattro giorni dal suo decesso. Lucas L. avrebbe confessato di aver violentato e ucciso Justine Vayrac, nella giornata di sabato scorso, a Brive. Gli inquirenti hanno ritrovato il cadavere della donna soltanto nella giornata di ieri, in seguito alla confessione dell’uomo, che avrebbe anche dichiarato in quale luogo si trovava il corpo della donna.

Il caso dell’omicidio di Justine ha sconvolto tutta la Francia: si tratta di uno dei casi di cronaca nera più clamorosi degli ultimi tempi, insieme a quello dell’omicidio della piccola Lola Daviet, la 12enne violentata e uccisa per poi essere abbandonata all’interno di una valigia.

Polizia

Sarebbero emersi alcuni dettagli sull’aggressore di Justine, Lucas L. Secondo quanto appreso, la donna era madre di un bimbo di due anni e mezzo. Il giorno in cui è stata uccisa, era andata in compagnia di alcuni amici a ballare nella discoteca francese La Charrette.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le ultime ore di vita della vittima

La donna sarebbe stata vista in vita per l’ultima volta intorno alle quattro del mattino, secondo quanto dichiarato dagli amici che si trovavano con lei in discoteca. Poi, la vittima sarebbe sparita insieme al 20enne, facendo perdere le tracce di sé.

La testimonianza di un amico della vittima, Theo, è stata cruciale nelle indagini. Attraverso la sua testimonianza alle forze dell’ordine è stato possibile ricostruire le ultime ore di vita della 22enne. Theo ha spiegato che Justine, intorno alle quattro del mattino Justine le aveva chiesto di accompagnarla fuori dal locale. “Mi ha chiesto di uscire perché voleva vomitare. Avevo capito che si conoscevano, io non lo avevo mai visto. Poi sono andati via insieme“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 28-10-2022


San Severo, uomo ucciso a coltellate dal figlio

Doriano Furceri, il comandante ucciso dal brigadiere Antonio Milia