Caso Santanchè, Renzi attacca il governo Meloni: "Tipico atteggiamento grillino"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Caso Santanchè, Renzi attacca il governo Meloni: “Tipico atteggiamento grillino”

Matteo Renzi

Caso Daniela Santanchè: interviene Matteo Renzi.

Matteo Renzi, figura di spicco di Italia Viva e già premier, è intervenuto con forza nel caso Santanché, ponendo l’accento su una situazione che vede protagonisti Daniela Santanchè e Andrea Delmastro, entrambi esponenti di FdI, ma trattati diversamente dalla loro stessa formazione politica.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Santanchè, a fronte di un possibile rinvio a giudizio, si trova sotto pressione per rassegnare le dimissioni, situazione non applicata a Delmastro, già sottoposto a tale procedura.

Daniela Santanchè
Daniela Santanchè

Matteo Renzi solleva il caso Santanchè-Delmastro

Il panorama politico italiano è recentemente diventato teatro di vivaci dibattiti intorno ai principi di responsabilità pubblica e alle norme che regolano il mantenimento di cariche ufficiali in situazioni di contenzioso giuridico.

Come riportato da Today.it, Renzi critica la discrepanza di trattamento all’interno del partito di Giorgia Meloni, con parole chiare: “Perché deve dimettersi Santanchè per un possibile rinvio a giudizio e non deve dimettersi Delmastro già rinviato a giudizio? Questo atteggiamento di due pesi e due misure è il tipico atteggiamento grillino“.

Con questa affermazione, l’ex premier mette in discussione la coerenza interna a FdI, sollevando dubbi sulla loro linea etica e giuridica.

La posizione del leader di Italia Viva

Nel difendere una posizione fortemente garantista, Renzi sottolinea l’importanza di non attaccare figure politiche su basi giudiziarie, finché non vi sia una condanna definitiva. “Noi – spiega – siamo garantisti e non attaccheremo mai la Santanchè su questioni giudiziarie… perché fino a quando non sei con sentenza passata in giudicato considerato colpevole, è giusto che tu abbia il diritto di essere considerato innocente“.

Questa presa di posizione invita a una riflessione più ampia sull’etica politica e sul modo in cui i rappresentanti pubblici dovrebbero essere trattati di fronte alla legge. Il dibattito sottolinea l’urgenza di stabilire norme chiare e condivise, che garantiscano un trattamento equo e trasparente, al di là delle appartenenze partitiche.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2024 15:26

La premier Giorgia Meloni senza freni: “Piantedosi? Accuse vergognose”

nl pixel