Vivendi dà pieno appoggio per la ricerca dei nomi per il prossimo cda di Tim. In attesa Cassa depositi e prestiti.

Il presidente di Tim, Salvatore Rossi, ha riferito “del riscontro al sondaggio preliminare dell’azionariato e dei rappresentanti del mercato, che ha rilevato da parte di Vivendi e dei rappresentanti del mercato supporto all’iniziativa“, mentre Cassa Depositi e Prestiti “si è riservata in relazione all’esigenza di sottoporre al proprio Consiglio di Amministrazione ogni decisione in merito“.

Cda Tim, le posizioni di Vivendi e Cdp

Il cda del gruppo telefonico ha approvato all’unanimità i criteri di selezione della lista e ha già fissato una prossima riunione il 18 febbraio. Vivendi, azionista di riferimento, supporta pienamente l’iniziativa mentre Cassa depositi e prestiti aspetta di sottoporre il tema al suo cda prima di esprimersi sulla lista del board per Tim. Ora l’advisor Egon Zehnder può avviare le ricerche per stilare una prima ‘long list’ da sottoporre al cda fra due settimane.

https://www.youtube.com/watch?v=ijMlaJAIe9A&ab_channel=NOVembre%26cronistorie%2FCIVismo%26ATO%2FMese%26Storia

Azionariato e composizione del board

La struttura azionaria di Tim è così composta:
Vivendi SA 23,94% (Francia)
Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. 9,89% (Italia)
Singer Paul Elliott 6,98% (Stati Uniti)
Investitori istituzionali esteri 43,81%
Investitori istituzionali italiani 1,91%
Alti azionisti 9,82%

L’attuale consiglio d’amministrazione è composto da 15 membri, capeggiati dal presidente Salvatore Rossi, dall’ad e dg Gubitosi, quest’ultimo in quota Elliott. Il fondo americano detiene dieci consiglieri, ossia i due terzi. Nell’assemblea del 29 marzo 2019, Vivendi ed Elliott, ovvero i due maggiori azionisti di controllo del gruppo, raggiunsero un accordo per mantenere intatta la governance dell’azienda.


Borse 3 febbraio, Piazza Affari in positivo ‘spinta’ da Draghi. Spread vicino ai 100 punti

Chi è Andy Jassy, nuovo Amministratore delegato di Amazon