Chelsea, Tuchel: “Se anni fa mi avessero chiesto cosa sarei stato disposto a fare per una partita Champions, avrei risposto qualsiasi cosa”

Regna un clima di grande incertezza in casa Chelsea dopo la decisione del Governo inglese di congelare i beni di Roman Abramovich, che ha stoppato la cessione del club. Oltre che bloccare il mercato in entrata e in uscita e imporre altre restrizioni come l’impossibilità di rinnovare contratti.

Ma il tecnico dei Blues, Thomas Tuchel è pronto e tiene alto il morale della squadra. “La trasferta di Champions a Lille? La mia ultima informazione è che stiamo per prendere un aereo. In caso contrario andremo in treno, altrimenti in autobus. Oppure sono pronto a guidare un’auto con sette posti. Lo farò, segnatevi le mie parole: se qualche anno fa mi avessero chiesto cosa sarei stato disposto a fare per una partita di Champions, avrei risposto qualsiasi cosa”.

Pallone Serie A
Pallone Serie A

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

In bilico anche il futuro dell’allenatore

Anche sul suo futuro al Chelsea, Tuchel non ha dubbi e guarda avanti: “Se resterò fino al termine della stagione? Non ci sono dubbi. Seguiamo quello che accade giorno per giorno perché potrebbero esserci dei cambiamenti. Il club è in vendita e speriamo che la cosa si risolva presto per poter capire cosa succederà in futuro”.

Il Chelsea può sostenere le spese «correlate alla manutenzione regolare in corso del Club» incluse tasse, assicurazioni e manutenzione degli edifici, escludendo però ristrutturazioni e nuove opere. Si tratta dunque di spese per sicurezza, ristorazione e stewarding, per non più di 500 mila sterline a partita. Limiti previsti anche per i «costi ragionevoli di viaggio» per partite e allenamenti: «non superiori al valore di 20 mila sterline per partita». Così come lette le sanzioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 14-03-2022


Psg, Messi: la storia di un fallimento, voci sul ritorno al Barcellona

Juventus, Morata: ok dell’Atletico Madrid per lo sconto ma c’è un problema