Chi è Abraham Conyedo, la carriera e la vita privata del lottatore cubano e naturalizzato italiano.

ROMA – Abraham Conyedo ha regalato la 39esima medaglia all’Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Un terzo posto a sorpresa per il lottatore cubano naturalizzato italiano vista l’eliminazione nella corsa all’oro. L’azzurro, però, è riuscito con un torneo di ripescaggio perfetto a conquistare il suo primo bronzo ai Giochi ed ora a Parigi proverà a conquistare il titolo olimpico.

Chi è Abraham Conyedo, la carriera del lottatore italiano

Nato a Santa Clara (Cuba) il 7 ottobre 1993, Abraham de Jesus Conyedo Ruano ha iniziato a combattere per la Cuba andando a conquistare un argento alle Olimpiadi giovanili. Dopo queste prime esperienze, è arrivata la naturalizzazione italiana nel 2018 e da questo momento ha iniziato a combattere per i colori azzurri, con un bronzo iridato arrivato nello stesso anno.

Risultati che hanno convinto la ministra Lamorgese a concedergli la cittadinanza italiana per meriti speciali. Un riconoscimento sicuramente importante per l’azzurro che ha deciso di lottare sotto la bandiera italiana e il bronzo olimpico conquistato a Tokyo è sicuramente un grande risultato e soprattutto la consacrazione definitiva della sua carriera. Dopo una esperienza non proprio fortunata nella caccia all’oro, Conyedo è riuscito a completare il percorso dei ripescaggi e conquistare la sua prima medaglia olimpica. Un risultati sicuramente importante anche in ottica Parigi dove sarà uno dei protagonisti per la conquista al titolo.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Tokyo
Tokyo

La vita privata di Abraham Conyedo

Non si hanno molte informazioni sulla vita privata del lottatore. Sicuramente, trattandosi di uno sport non seguito molto dagli italiani, Conyedo non è mai stato coinvolto dai giornali di gossip. Una scelta fatta anche dallo sportivo per concentrarsi sulla propria carriera sportiva.

Lo sportivo è comunque molto attivo sul suo profilo Instagram. Social che mostrano foto sia della sua vita professione che privata.


Cento anni fa nasceva Nando Martellini, il telecronista di Spagna ’82

Roger Federer, i 40 anni del “Re” del tennis