Paola Ferrari lascia la Rai. La conduttrice: “Mi dicono che sono vecchia. Leotta? Con Giorgia Rossi avrà filo da torcere”.

ROMA – Paola Ferrari lascia la Rai. Un po’ a sorpresa la conduttrice ha annunciato la propria intenzione di abbandonare definitivamente viale Mazzini dopo i Mondiali 2022. “Mi dicono che sono vecchia – ha detto riportata dal Corriere della Seraora accompagno la nazionale in Qatar e poi saluto tutti. Mi dedicherò a tempo pieno al cinema insieme al gruppo Lucisano“.

Ferrari sulla Rai: “Bisogna puntare sullo sport in chiaro”

La conduttrice ha parlato anche delle ultime decisioni prese dalla Rai: “Non mi permetto di giudicare l’azienda, anche se ovviamente la perdita dei diritti della Champions League e della Coppa Italia è ancora una ferita aperta. Gli Europei di calcio e le Olimpiadi di Tokyo hanno dato un messaggio molto chiaro: vogliamo lo sport in chiaro, ci piace vederlo sulla Rai. Lo sport è importante per gli italiani, accresce l’orgoglio nazionale, la voglia di rinascita“.

E da qui un messaggio inviato direttamente alla sua televisione anche in ottica futura: “Meglio tagliare uno show e usare quel budget per regalare dello sport in chiaro. Ovvio che non mi dimentico che il mercato dei diritti tv dello sport è arrivato a richieste esorbitanti“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Paola Ferrari
Paola Ferrari

L’attacco a Diletta Leotta

Non sono mancate le frecciatine alle colleghe. “Di Diletta Leotta – ha detto Paola Ferrari – non condivido l’esprimere in modo troppo vigoroso la sua sensualità. Certo, io alla sua età ero meno bava. Ma quest’anno avrà filo da torcere: da Mediaset arriva Giorgia Rossi: una molto simile a Ilaria D’Amico“.

Per la conduttrice, dunque, un’ultima stagione a viale Mazzini prima di dedicarsi al cinema. Un addio alla Rai non senza polemiche, ma in questo anno Paola Ferrari cercherà di dare i consigli giusti alla Rai anche in ottica futura.

ultimo aggiornamento: 05-08-2021


Chi è Valentino Rossi, il nove volte campione del mondo

Papa Paolo VI, quindici anni di Montini al Vaticano