Alla scoperta del giornalista e critico televisivo italiano Aldo Grasso, anche autore di diverse opere letterarie.

Scopriamo cosa c’è da sapere su Aldo Grasso, celebre giornalista e critico televisivo, che intraprende dagli anni Novanta una brillante carriera lavorativa nel mondo della televisione italiana, vincendo anche diversi premi e conducendo trasmissioni sia televisive sia radiofoniche. Collaboratore e curatore di alcune rubriche per il Corriere della Sera, vediamo di conoscere meglio la sua attività professionale, più qualche curiosità sulla sua vita privata.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Aldo Grasso: la biografia e la carriera professionale

Il giornalista nasce a Sale delle Langhe il 10 aprile del 1948 e consegue la laurea in Lettere presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Comincia ad occuparsi della televisione durante gli anni Novanta, dopo aver fondato il cineclub, diventando critico televisivo presso il Corriera della Sera nel 1990, per cui cura un forum online, una video rubrica di critica televisiva e in seguito anche la rubrica quotidiana di televisione intitolata A fil di rete e la rubrica settimanale di commentario politico Padiglione Italia. Durante la sua carriera professionale ricopre il ruolo di conduttore per diversi programmi televisivi e anche per alcune trasmissioni radiofoniche, tra cui Tuttilibri e A video spento.

Aldo Grasso
Aldo Grasso

La vita privata di Aldo Grasso

Non si conoscono i dettagli della vita privata e riguardo la situazione sentimentale del critico televisivo Grasso. Online non sembrano esser presenti profili social attivi personali del giornalista italiano. Nel 2008 diviene anche direttore scientifico del Ce.R.T.A., il centro di ricerca sulla televisione e gli audiovisivi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ignoto l’ammontare preciso del suo patrimonio economico.

4 curiosità sul critico televisivo e autore italiano

  • Ottiene la laurea con la tesi su Storia del cinema, intitolata Teoria e prassi nell’opera prima di S. M. Eisenstein”.
  • Dal 2012 è anche Consigliere di Amministrazione del Centro Sperimentale di Cinematografia.
  • Autore di numerose opere letterarie, nel 2019 pubblica Storia critica della televisione italiana e, nel 2021, pubblica il libro dal titolo Padiglione Italia, bestiario fantastico per un paese paradossale.
  • Vincitore di diversi premi e riconoscimenti, nel 2017 riceve il Premio Internazionale Gerolamo Cardano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-06-2022


Chi è Stefano Pessina, imprenditore e uomo d’affari italo-monegasco

Chi è Pramila Patten, avvocato e funzionario delle Nazioni Unite