Scopriamo tutto sullo storico Alessandro Barbero, il volto di Superquark e Rai Storia che con i suoi libri ed interventi pubblici ha fatto il giro del mondo.

Percorrendo il sentiero letterario di Alessandro Barbero conosciamo un mondo ricco di analisi storiche e discussioni di fatti attuali. Da romanziere, storico e saggista è un personaggio ormai noto nel mondo televisivo e parte integrante dell’ambiente culturale italiano. Insieme a questo c’è anche una parte della sua professionalità e personalità che emerge sul web, grazie a YouTube dove è una vera star. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su di lui.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Alessandro Barbero: la biografia

Alessandro Barbero è nato il 30 aprile 1959 a Torino. Frequenta il Liceo Classico Cavour dove si diploma prima di iscriversi alla facoltà di Lettere all’Università di Torino. Si laurea con una tesi in Storia Medievale con relatore Giovanni Tabacco. Svolge in seguito un dottorato alla Scuola Normale di Pisa, nel 1984, anno in cui vince anche un posto di ricercatore in Storia Medievale all’Università di Roma.

Alessandro Barbero: carriera professionale

La sua carriera da ricercatore e storico lo porta a diventare nel 2002, professore di Storia Medievale presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. Collabora attualmente al programma tv Superquark e a trasmissioni come Passato e presente e a.C.d.C., in onda su Rai Storia. Ospite anche in Radio con Alle otto della sera.

Pubblica il suo primo libro nel 1995 dal titolo: Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo, con il quale vince il Premio Strega, l’illustre premio letterario italiano. Nel 98 esce il suo secondo romanzo, Romano Russo. Fiutando i futuri supplizi, che viene tradotto in inglese nel 2010.

Barbero è un personaggio letterario particolarmente conosciuto anche per le sua partecipazioni a vari festival. Nel 2009 partecipa al Festival della Mente di Sarzana con Benedette guerre. Crociate e jihad, e nel 2013 con Donne, madonne, mercanti e cavalieri. Sei storie medievali.

Tra il 2011 e il 2020 escono tra gli altri: Il divano di Istanbul; Dietro le quinte della Storia; Le Ateniesi; Costantino il vincitore; Le parole del papa e Alabama. Nell’ottobre del 2021 partecipa al Salone del Libro di Torino, dove tiene la conferenza “Un Dante Mondiale”, nella quale dialoga con l’editore Giuseppe Laterza del suo ultimo libro Dante.

Barbero è attivo nella scena culturale italiana anche come membro del Comitato di Direzione del Premio Strega e del Comitato di Redazione della rivista Storica. Nell’ambito giornalistico scrive nelle sezioni culturali de Il Sole 24 Ore, La Stampa e collabora attivamente con TuttoLibri. Inoltre, è curatore di Storia d’Europa e del Mediterraneo, edito da Salerno Editore.

Alessandro Barbero: vita privata e social media

Della vita privata di Barbero si conosce poco, insieme alla moglie Flavia, ha un figlio dagli anni Novanta che attualmente vive a Parigi dove fa il giornalista.

La sua attività sui social è presente su Instagram, seguito da oltre 22k followers, Facebook e Twitter. Inoltre, su Spotify e Amazon Music ed Apple podcast sono presenti podcast dedicati a lezioni e conferenze di storia. Dal 2010 in poi è particolarmente seguito anche su Youtube con il canale la storia siamo noi.

2 curiosità su di lui

  • Nel 2005 riceve il titolo di Chevalier de l’ordre des Arts et des Lettres dalla Repubblica di Francia.
  • Franco Cardini scrive sul Giornale: “Barbero usa le abilità diaboliche di un narratore erudito e professionale per andare alla ricerca di massacri del passato lontano e recente. Il romanzo anonimo riguarda il passato che non passa mai (sia zarista che stalinista) e il futuro che nel 1988 era imminente e che ora è arrivato“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-05-2022


Chi è Alessandra Lanzara: la nuova scelta dell’American Academy Arts&Science

Chi è Rula Jebreal, la giornalista ed analista italo-palestinese