Chi è Andrea Lo Cicero, la carriera e la vita privata dell’ex rugbista italiano soprannominato ‘Barone’.

ROMA – Andrea Lo Cicero è uno dei rugbisti italiani più conosciuti nel nostro Paese e all’estero. Andiamo a conoscere meglio l’atleta che, da quando ha deciso di ritirarsi dalla carriera sportiva, ha intrapreso l’avventura nel mondo della televisione conducendo una trasmissione sul giardino e gastronomica.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Chi è Andrea Lo Cicero, la carriera dell’ex rugbista italiano

Nato a Catania il 7 maggio 1976, Andrea Lo Cicero si è avvicinato al mondo del rugby da giovanissimo sia grazie allo zio Michele (atleta dell’Amatori Catania) che a Pippo Puglisi, insegnante di educazione fisica e fratello del giocatore e allenatore Nino.

Il suo esordio è avvenuto proprio con l’Amatori prima di indossare le maglie di Bologna, Rovigo, Rugby Roma, Tolosa, Lazio e L’Aquila. La carriera è stata chiusa con la casacca di Racing Metro 92. Da segnalare anche i tredici anni trascorsi con la Nazionale.

Conclusa l’esperienza da professionista, una brevissima avventura da allenatore prima di dedicarsi al mondo della televisione conducendo un programma sul giardinaggio, vera passione da sempre di Lo Cicero, e di cucina dove è stato al timone della trasmissione L’erba del Barone. Un titolo non casuale considerando che proprio Barone è il soprannome che gli hanno dato per le sue ascendenze nobiliari.

Andrea Lo Cicero
Andrea Lo Cicero

La moglie, i figli e la vita privata di Andrea Lo Cicero

Il rugbista siciliano ha sempre cercato di lasciare la sua vita privata fuori dalla luce dei riflettori. Un massimo riserbo che continuerà ad esserci anche in futuro. Dalle uniche informazioni che sappiamo, l’atleta è sposato ormai da diversi anni con la modella Roberta Di Fiore. La coppia ha un figlio di nome Ettore. Un donna che è un vero e proprio punto di riferimento nella vita di Lo Cicero.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Scusate se insisto… alla scoperta di Evaristo Beccalossi

Chi è Pietro Pellegri