Scusate se insisto… alla scoperta di Evaristo Beccalossi

Dalle imprese in campo ai rigori sbagliati passando per la vita privata e la musica. Chi è Evaristo Baccalossi, ex calciatore e commentatore televisivo.

Calciatore estroso ed eclettico prima e commentatore televisivo senza peli sulla lingua, Evaristo Beccalossi è considerato come uno dei giocatori più talentuosi che abbia calcato il prato di San Siro tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta. Viene presentato come un calciatore con un discreto feeling con il gol e con un ottimo rapporto con il pallone cui, come si suol dire, dava del tu.

Chi è Evaristo Beccalossi: la carriera del calciatore

Nato a Brescia il 12 maggio 1956, Evaristo Baccalossi muove i primi passi nel mondo del calcio proprio nel Settore Giovanile della squadra della sua città.

Messosi in mostra con la Primavera, nel 1978 avviene il trasferimento di Evaristo Beccalossi all’Inter, maglia con la quale avrebbe giocato per ben sei stagioni imponendosi sia a livello nazionale (fu protagonista dello Scudetto della stagione 1979-1980) che a livello europeo, arrivando in semifinale di Coppa dei Campioni nella stagione 1980-1981.

Dopo una parabola discendente, iniziata con l’arrivo di Hansi Mueller, Beccalossi passa in prestito alla Sampdoria prima del trasferimento al Monza e il ritorno a Brescia.

Evaristo Beccalossi
Evaristo Beccalossi

Paolo Rossi: Evaristo Beccalossi e i rigori sbagliati

Il nome di Beccalossi è legato a quello del comico Paolo Rossi, che nei primi anni della sua carriera da artista conquistò il pubblico proprio con un pezzo dedicato al calciatore. Nello specifico il monologo parlava dei due rigori falliti in pochi minuti da Evaristo Beccalossi in occasione della sfida di Coppa dei Campioni contro lo Slovan Bratislava. All’epoca Beccalossi indossava la maglia dell’Inter.

Ma il calciatore è entrato nell’immaginario collettivo anche per la canzone di Minelli, Mi chiamo Evaristo, scusate se insisto. Il titolo del brano riprende la leggendaria frase di Beppe Viola che, commentando il derby tra Milan e Inter del 2 settembre 1979, partita in cui Beccalossi firmò una doppietta, coniò quello che sarebbe diventato uno slogan.

La vita privata, la moglie e la figlia di Evaristo Beccalossi

Beccalossi è sposato con Danila, dalla quale è nata Nagaja Beccalossi, altro volto noto della televisione dopo aver intrapreso la carriera da giornalista e soprattutto come conduttrice di Telelombardia, canale cult per gli amanti del calcio milanese. Amante del calcio ma non solo.

ultimo aggiornamento: 29-04-2019

X