Chi è Kim Phuc, la bambina ritratta nella famosa fotografia dell’8 giugno 1972 durante la guerra del Vietnam. Un’immagine diventata il simbolo del conflitto.

ROMA – Kim Phuc ‘sbarca’ in Italia. La bambina simbolo della guerra del Viteman del 1972 è arrivata nel nostro Paese per rivivere quel periodo. E nella serata di domenica 6 ottobre 2019 per la prima volta sarà anche in diretta televisiva con Fabio Fazio che ha deciso di portarla nella sua trasmissione Che tempo che fa.

Chi è Kim Phuc, la bambina simbolo della guerra del Vietman

Phan Thi Kim Phuc è nata il 2 aprile 1963 sotto il segno dell’Ariete. Un’infanzia molto difficile per la bambina vista la guerra in Vietman e a 9 anni la piccola è diventata il simbolo di questo conflitto. Il merito è stato di Nick Ut, il fotografo che era arrivato in quel Paese per effettuare alcuni scatti agli abitanti in fuga. E fra questi anche la ragazzina Puch.

Una fotografia che ha permesso all’artista di vincere il premio Pulitzer oltre che il World Press Photo of the Year. Un riconoscimento importante per Ut che subito dopo le immagini ha portato i bambini feriti in ospedale, tra cui Phuc.

Chiusa la sua avventura in Vietman, il simbolo della guerra si è trasferita prima a Cuba e pi in Canada dove è stata nominata ambasciatrice dell’Unesco. Nel 1999 è uscita la sua biografia descritta da Denis Chong.

Il marito, i figli e la vita privata

Un’infanzia non semplice per Kim Phuc che ha ritrovato la sua tranquillità a Cuba dove nel 1992 ha sposato il suo connazionale Bui Huy Toan. Un amore forte per il simbolo della guerra del Vietnam che con il marito si è trasferita in Canada dove nel 1996 ha ricevuto la cittadinanza. La coppia ha avuto due figli: Stephen e Thomas. Entrambi vivono insieme ai genitori nel Paese nordamericano.

fonte foto copertina https://twitter.com/ACastelbou

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Kim Phuc Nick Ut people vietnam

ultimo aggiornamento: 06-10-2019


Chi è Aldo Cazzullo, l’editorialista del Corriere della Sera

Chi è Gianni Rivera, il Golden Boy del calcio