Chi è Olivier Giroud, la carriera e la vita privata dell’attaccante francese e vicino al passaggio al Milan di Pioli.

MILANO – Olivier Giroud è il nuovo attaccante un attaccante del Milan. Di origini italiane, il francese è uno degli attaccanti più apprezzati a livello europeo. Andiamo a ripercorrere la sua lunga carriera e conoscere meglio il giocatore transalpino.

Chi è Olivier Giroud, la carriera dell’attaccante francese

Nato a Chambéry il 30 settembre 1986, Olivier Jonathan Giroud è cresciuto nel Grenoble, squadra che gli ha permesso di fare il suo esordio tra i professionisti. Dopo un anno di prestito all’Istres, l’attaccante ha accettato la proposta del Tours. Due stagioni di alto livello e l’arrivo a Montpellier.

Proprio con il club francese è arrivata la svolta della sua carriera. Prestazioni che non sono passate inosservate ai top club europei. L’asta è stata vinta dall’Arsenal. Con i Gunners sei stagioni con 73 gol in 180 presenze. Nel 2018 la decisione di lasciare la squadra londinese per trasferirsi al Chelsea. Con i Blues, però, fatica a trovare spazio e soprattutto la via del gol.

Il Milan

Proprio il poco spazio ha portato l’attaccante nelle ultime settimane a considerare l’addio al Chelsea. Alla fine, dopo un anno di corteggiamento da parte dell’Inter di Conte, l’ha spuntata il Milan di Pioli nell’estate 2021. Una grande opportunità anche per lo stesso giocatore che per la prima volta gioca nel Paese dove sono nate le sue nonne.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giroud Olivier
Giroud Olivier

La moglie, i figli e la vita privata di Olivier Giroud

Il giocatore francese ha preferito lasciare la sua vita privata fuori dalla luce dei riflettori tanto da non avere un profilo social. Al suo fianco, però, ormai da diversi anni c’è Jennifer. I due si sono conosciuti quando erano giovani e non si sono più lasciati. Il matrimonio è avvenuto nel 2011 e da questa relazione sono nati i figli Evan e Jade.


Madrid dedicherà una piazza a Raffaella Carrà

Due anni senza Andrea Camilleri, il 17 luglio 2019 si spegneva l’autore di Montalbano