Chi è Tadej Pogacar, il primo sloveno a vincere il Tour de France. La carriera e la vita privata dell’atleta classe 1998.

ROMA – Tadej Pogacar è il presente e il futuro del ciclismo. Il successo al Tour de France 2020 è stata la consacrazione per lo sloveno che si prepara in futuro a dominare i Grandi Giri.

Una Grande Boucle conquistata nella cronometro finale anche se aveva fatto notare le sue qualità durante le tre settimane in Francia. Un primo successo a 22 anni per Pogacar che è chiamato al duro compito di confermarsi. Non si esclude nel 2021 un cambio programma per vincere in poco tempo i tre Grandi Giri per poi andare a provare la doppietta Giro-Tour per entrare definitivamente nella storia di questo sport.

Chi è Tadej Pogacar, la carriera del ciclista sloveno

Nato a Komenda (Slovenia) il 21 settembre 1998 (Vergine), Tadej Pogacar è diventato professionista nel 2019 andando a conquistare nel suo primo anno il Tour di California e tre tappe alla Vuelta a Espana 2020. Nella corsa spagnola il talento sloveno è riuscito a salire sul podio e a portare a casa la maglia di miglior giovane.

Tour de France

Tadej Pogacar vince il Tour de France 2020

La consacrazione definitiva per il ciclista sloveno è arrivata nel 2020 con il trionfo al Tour de France. Una Grande Boucle affrontata con grande esperienza. Tre settimane senza mai andare fuori giri con la Maglia Gialla conquistata nella penultima tappa strappandola al connazionale Primoz Roglic.

La fidanzata e la vita privata di Tadej Pogacar

Il ciclismo ha regalato anche l’amore al ciclista sloveno. Da diversi anni al suo fianco c’è Urska Zigart. I due si sono conosciuti in un ritiro in Croazia quando appartenevano alla stessa squadra. L’atleta è molto attivo anche sui social con il suo post su Instagram che è seguito da oltre 80mila persone.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
ciclismo people Tadej Pogacar Tour de France

ultimo aggiornamento: 19-09-2020


Chi è Ivan Zazzaroni, il direttore del ‘Corriere dello Sport’

Loredana Bertè, i 70 anni di una delle più grandi interpreti della musica italiane