Ecco chi è il capo della ‘ndrangheta Rocco Morabito che verrà estradato in Italia.

Rocco Morabito è un mafioso italiano, un’esponente di spicco della ‘Ndrangheta. Il re della cocaina di Milano, negli anni 90, la sua condanna definitiva è a 30 anni di carcere, ma la sua latitanza inizia subito dopo e dura per più di 23 anni. Definitivamente braccato in Brasile nel 2021, Morabito era inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità insieme a Matteo Messina Denaro.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Rocco Morabito: biografia

Rocco Morabito è nato ad Africo, Reggio Calabria, il 13 ottobre 1966. Morabito è detto ‘u tamunga, perché proprietario di una Auto Munga. Ha frequentato l’Università di Messina.

Negli anni 89, a 22 anni, mentre frequentava l’Università di Messina in Economia e Commercio, fu arrestato dalla Procura di Messina, insieme a Bruno Criaco e Annunziato Zavettieri, per minacce rivolte a un docente universitario.

Rocco Morabito: carriera professionale?

Nel 91, si sposta a Milano, in via Bordighera, dove risultava residente, anche se in realtà viveva a Casarile (in provincia di Milano). In quel periodo passò molto tempo con lo zio Domenico Mollica, affiliato alla ‘ndrangheta e al tempo ricercato dalle forze dell’ordine. Il 15 marzo 199 le forze dell’ordine lo fotografano a Milano insieme allo zio Domenico Mollica, mentre incontrano dei narcotrafficanti colombiani.

Nel 94 avviene la condanna definitiva a 30 anni di carcere per associazione di tipo mafioso e traffico di droga. Il 10 febbraio 1995 il suo nome è inserito nell’elenco dei latitanti più pericolosi d’Italia. Dal 2001 durante la latitanza si sposta in Uruguay, tra Montevideo e Punta del Este, dove risiede con passaporto brasiliano sotto falso nome Francisco Antonio Capeletto Souza.

Dopo 23 anni di latitanza, il 4 settembre 2017, la polizia uruguaiana e la Pubblica Sicurezza di Buenos Aires lo catturano a Montevideo durante un’operazione. Il 29 marzo 2019 il tribunale di appello in Uruguay, autorizza l’estradizione per l’Italia. Il piano non va a buon fine perché il 24 giugno 2019 evade dalla terrazza del carcere Central di Montevideo.

Il 24 maggio del 2021 viene arrestato in Brasile, dalla polizia brasiliana con il supporto dei carabinieri del ROS con la collaborazione dell’FBI e della DEA. Il 25 maggio 2022, il Supremo Tribunal Federal brasiliano ha autorizzato la sua estradizione dal penitenziario federale di Brasilia, disponendo la sottrazione da un’eventuale condanna della detenzione scontata nel Paese sudamericano e l’applicazione di una pena massima di 30 anni di carcere.

Rocco Morabito: vita privata

Morabito è nipote di Giuseppe Morabito, boss appartenente a una delle più potenti ‘ndrine della Locride, quella dei Morabito. Il fratello, Leo Morabito, fu assassinato nel 1989. Non si conosce l’entità del suo patrimonio, né altro sulla sua vita privata. Non ha ovviamente profili social.

Durante l’evasione dal carcere di Montevideo, le indagini della magistratura uruguayana dichiararono che pagò poco più di 500 dollari a testa ad alcune guardie carcerarie perché lo aiutassero.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-05-2022


Chi è Salvo Sottile, giornalista, scrittore e conduttore televisivo

Scopriamo Francesco Costa, vicedirettore del giornale online il Post