Il 10 marzo 1981 nasce Samuel Eto’o. Il camerunese è stato uno dei migliori giocatori del primo decennio del secolo, vincitore di tre Champions League.

Tanti auguri a Samuel Eto’o! L’ex centravanti compie 40 anni, essendo nato a Nkon il 10 marzo 1981.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

I primi passi nel mondo del pallone

Dopo aver iniziato nel Douala, in Camerun, all’età di 15 anni viene portato in Spagna, dove entra nel settore giovanile del Real Madrid. Nei blancos trova pochissimo spazio e passa così al Maiorca, dove si afferma come uno dei migliori bomber della Liga.

Asso del Barcellona

Così, nel 2004 viene acquistato dal Barcellona. La squadra di Rijkaard è imbottita di campioni e Samuel Eto’o ne diventa l’infallibile terminale: dopo il titolo nazionale, nel 2006 arriva la prima Champions League (gol nella finale contro l’Arsenal) e Trofeo Pichichi, con 26 gol.
Nel 2008 la formazione passa a Guardiola: è una stagione straordinaria, con il triplete, nella quale il camerunese timbra ancora nella finale di Champions League (contro il Manchester United).

https://www.youtube.com/watch?v=19T9QkuH_h4

Vittorie con l’Inter

In estate, Samuel Eto’o è protagonista di una clamorosa operazione di mercato che lo porta all’Inter mentre al Barcellona approda Ibrahimovic. Sotto la guida di Mourinho, l’attaccante lascia il ruolo di prima punta a Milito, sacrificandosi come esterno. A fine stagione vengono raccolti i frutti: scudetto, Coppa Italia e soprattutto la Champions League! Il cerchio si chiude con la Coppa del Mondo, nella quale segna un gol in finale.

Le altre esperienze e la Nazionale

Chiusa l’avventura in nerazzurro, si trasferisce in Russia all’Anzhi. Seguiranno le brevi esperienze tra Chelsea, Everton e Sampdoria, prima militare in Turchia e, infine, in Qatar.
Con la maglia del Camerun, Eto’o ha realizzato 56 gol in 118 apparizioni, vincendo un oro olimpico (Sydney 2000) e due volte la Coppa d’Africa.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 10-03-2021


La Juventus è fuori dalla Champions League

Paul Gascoigne, genio e sregolatezza