Alla scoperta di Yonghong Li, dal patrimonio stimato alla sua avventura al Milan passando per la vita privata e il rapporto con Silvio Berlusconi.

Yonghong Li  è un imprenditore cinese sostanzialmente sconosciuto in patria e nel resto del mondo fino al 2017 quando formalizza l’acquisto del Milan da Silvio Berlusconi e diventa presidente di uno dei club più titolati al mondo.

Yonghong Li, biografia

Nato a Maoming, nella provincia del Guangdong, il 16 settembre del 1969Yonghong Li ha mosso i primi passi da dirigente nel campo dei veicoli a energia rinnovabile per poi allargare i suoi interessi all’ambito immobiliare e a quello sportivo. La sua attività più importante è quella legata alla Guizhou Fuquan Group di cui è socio di maggioranza. La società si occupa dell’estrazione, della lavorazione e della vendita dei prodotti derivanti dal fosforo.

Yonghong Li e Berlusconi

Il 5 agosto del 2016 Yonghong Li conquista le prime pagine dei quotidiani sportivi e non di tutto il mondo grazie alla firma di un contratto preliminare con Fininvest per l’acquisizione del 99,93% delle quote del Milan. Inizia di fatto così la lunga e complicata trattativa con Silvio Berlusconi, indeciso fino agli ultimi giorni sul da farsi. La cordata di imprenditori guidata da Yonghong Li versa una prima caparra da 100 milioni di euro ma la data fissata per il closing slitta dal 13 dicembre al 3 marzo del 2017. Durante questo periodo di tempo i lavori burocratici proseguono sostanzialmente senza sosta e Fininvest incassa altri 100 milioni di euro da Yonghong Li e soci.

Anche il 3 marzo trascorre, con grande clamore e sorpresa, senza che le parti formalizzino la cessione del Milan. Yonghong Li firma un nuovo accordo con Fininvest impegnandosi a chiudere la trattativa entro il successivo 14 aprile. Versa altri 50 milioni nelle casse di Fininvest ottiene un prestito di 303 milioni di euro dal Fondo Elliott.

Il 13 aprile 2017 Fininvest comunica di aver ceduto le sue quote alla Rossoneri Lux, società di Mister Li, e il il 14 aprile Yonghong Li viene eletto presidente del Milan dal nuovo CdA (Ecco tutti i presidenti del Milan dalle origini ai giorni nostri).

Nei mesi successivi alla cessione, Silvio Berlusconi, complice il deludente inizio di stagione, ha dapprima criticato la gestione del nuovo presidente salvo poi sottolineare come Yonghong Li abbia rispettato tutti gli impegni economici presi in sede di trattativa.

presidenti Milan Silvio Berlusconi
An Milano 06/06/2014 – visita Silvio Berlusconi alla nuova sede del A.C. Milan / foto Andrea Ninni/Image Sport
nella foto: Silvio Berlusconi-Barbara Berlusconi

Yonghong Li e il Milan

Yonghong Li ha affidato di fatto la gestione del Milan a Marco Fassone, il quale ha portato con sé dall’Inter il ds Massimiliano Mirabelli. La nuova proprietà è riuscita a vincere la naturale diffidenza della tifoseria rossonera grazie a un mercato milionario che ha portato a Milanello ben undici giocatori nuovi tra giovani talenti e profili ormai affermati come Lucas Biglia e Leonardo Bonucci, uomo immagine del nuovo Milan.

L’inizio di stagione non ha rispettato le ambizioni estive relegando i rossoneri a metà classifica, fuori dalla corsa per la Champions League già nel mese di novembre. Da qui la decisione di sollevare dall’incarico Vincenzo Montella e affidare la panchina a Gennaro Ivan Gattuso.

David Han Li-Yonghong Li-Marco Fassone James Pallotta Milan
David Han Li-Yonghong Li-Marco Fassone

Yonghong Li, Forbes attacca

Nel novembre del 2017, dopo l’inchiesta del New York Times, la rivista Forbes punta il dito contro Yonghong Li. Nel mirino finiscono le miniere del presidente rossonero, le quali risulterebbero in realtà appartenere a un altro proprietario. Secondo Forbes Yonghong Li sarebbe costretto a vendere il Milan perché non in grado di risanare il debito contratto con il Fondo Elliott.

Yonghong Li, moglie e vita privata

Yonghong Li è sposato con Miss Huang. Della moglie dell’imprenditore si sa davvero poco se non che alcune delle proprietà di Yonghong Li sono intestate proprio a lei. La coppia ha due figli, ma anche su di loro si sa davvero poco. La famiglia è stata immortalata nei giorni successivi all’acquisizione del Milan nel Museo di Casa Milan.

Yonghong Li, il patrimonio

Il patrimonio stimato di Yonghong Li ammonterebbe circa a 504 milioni di euro diviso per le sue proprietà e quelle intestate alla moglie. Il grattacielo di Guangzhou ha un valore stimato di circa 280 milioni di euro. Buona parte del patrimonio proverrebbe dalle miniere di fosfati. Nonostante il patrimonio stimato, Yonghong Li non è stato inserito nella classifica degli uomini più ricchi della Cina, fattore che ha destato non poca preoccupazione tra i tifosi rossoneri.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
curiosità milan moglie patrimonio people Yonghong Li

ultimo aggiornamento: 30-11-2017


Dalla passione per il pallone a quella per la chitarra: chi è Giacomo Bonaventura

Chi è Nikola Kalinic: moglie, biografia e curiosità