Sono trascorsi dieci anni dalla morte di Marco Simoncelli, il pilota delle meraviglie. Dai successi in pista all’amicizia con Valentino Rossi. Ecco chi era il pilota di Coriano.

ROMA – Marco Simoncelli è nato a Cattolica il 20 gennaio 1987 sotto il segno del Capricorno. Una vita trascorsa a Coriano ma la sua professione di motociclista lo ha portato a trascorrere molto tempo lontano da casa. Talento innato, il pilota – scomparso prematuramente – nella sua carriera ha conquistato un titolo nella classe 250.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

La carriera di Marco Simoncelli

L’amore per le due ruote di Sic è nato molto presto. Le prime gare a sette anni e a dodici il titolo di campione italiano che ha dato il via alla sua ascesa nel mondo delle due ruote.

A 15 anni l’esordio tra i grandi nella categoria 125. Nonostante lo score di due vittorie in quattro stagioni, nel 2006 la Gilera gli ha permesso di approdare in 250. Anche qui un inizio non semplice ma nel 2008 è arrivata l’esplosione definitiva con il successo del suo primo e unico titolo in carriera.

L’anno successivo resta ancora in questa categoria e si conferma tra i piloti più forti in circolazione così nel 2010 passa in MotoGP. Una stagione di apprendimento prima di un 2011 dove è riuscito a conquistare i primi podi tra i grandi e soprattutto a battere il suo grande amico e rivale Valentino Rossi. L’ultimo proprio prima di quel maledetto 23 ottobre 2011.

La morte di Marco Simoncelli

23 ottobre 2011, Sepang, la tragedia. Il destino è stato crudele con Marco Simoncelli. Il pilota di Coriano era arrivato a Sepang con l’intenzione di dare continuità a quanto fatto nei precedenti appuntamenti del Mondiale.

Ma al secondo giro della gara in Malesia la tragedia: il Sic ha perso il controllo della moto, nel tentativo estremo di rimanere in sella ha sterzato verso il centro della pista. E proprio lì è caduto. Al centro della pista, scivolando sull’asfalto e non verso la ghiaia. Un gesto che si è rivelato fatale, Valentino Rossi e Colin Edwars non possono evitare l’impatto con il casco che si sfila. Tragiche le immagini post incidente. I medici hanno fatto di tutto per salvarlo ma le condizioni di Simoncelli erano apparse molto gravi sin da subito e non c’è stato niente da fare.

Marco Simoncelli
Marco Simoncelli

La fidanzata di Marco Simoncelli

Una vita dedicata alle moto ma anche al suo grande amore Kate Fretti. I due si sono conosciuti una sera in una discoteca a Riccione e da lì non si sono più lasciati fino a quel tragico giorno. La ragazza era presente ad ogni gara. Una passione per le moto nata con lui per 28enne ma che ora non c’è più come ha detto lei stessa in tante interviste: “Non mi manca il mondo delle corse, per rimanere in quell’ambiente serve una passione che non ho più“.

Di seguito il video con il tributo a Marco Simoncelli.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 22-10-2021


I piloti di moto morti: da Drinkwater e Dupasquier passando per Simoncelli

Chi è Alec Baldwin, l’attore che ha sparato sul set del film Rust