L’influencer Chiara Ferragni ha incontrato la politica Liliana Segre. L’annuncio in un post sull’account dell’imprenditrice digitale.

Negli ultimi mesi, si era parlato di un possibile incontro tra Chiara Ferragni e Liliana Segre. La politica, sopravvissuta alla tragedia di Auschwitz, ha parlato dell’importanza della memoria solamente poche settimane fa, invitando l’influencer più famosa d’Italia a visitare il Memoriale della Shoah che si trova a Milano. Le due si sono finalmente incontrate, con l’annuncio che è arrivato dall’account Instagram di Chiara Ferragni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il post della Ferragni

“Dopo le nostre chiacchierate telefoniche, oggi ho avuto il piacere di conoscere di persona la senatrice Liliana Segre. La sua storia e la sua determinazione – ha dichiarato l’imprenditrice digitale – mi hanno molto colpito”. Questo il commento di Chiara Ferragni in merito all’incontro tra lei e la politica, sopravvissuta al tragico evento storico di Auschwitz.

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni

Le parole di Segre

Liliana Segre, poco prima, aveva parlato al convegno ‘Le vittime dell’odio’, promosso dall’osservatorio sulle discriminazioni, tenutosi al Memoriale della Shoah di Milano. “Io ho provato a essere una reietta e in un certo senso sono ancora vittima dell’odio dei leoni da tastiera, tanto che la mia carissima amica ministro Lamorgese circa tre anni fa mi ha imposto la scorta, queste le parole di Liliana Segre.

“I miei ‘carabinieri’ mi hanno detto che sono l’unica così vecchia in Italia ad averla, perché evidentemente nonostante i 92 anni che compirò a settembre sono ritenuta molto pericolosa, afferma Segre con un pizzico di ironia. “Scorta – ha continuato la senatrice a vita – che poi si è rivelata una famiglia allargata di cui io sono lietissima”, eppure “questo non vuol dire che io fin da quando avevo 8 anni nel 1938 non mi sia sentita esclusa dalla società per la colpa di essere nata. La senatrice ha concluso affermando quanto segue: Perché qualcuno è colpito, odiato e magari ucciso solo per la colpa di essere nato? Come abbiamo fatto ad arrivare al 2022 senza chiedercelo? Se non si risolve questo problema, sarà tutta una follia”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-06-2022


L’attivista Diop lascia l’Italia a causa del razzismo

Tracce maturità 2022, il commento del ministro dell’Istruzione