Ciclista travolto e ucciso a Roma nella serata di sabato 2 maggio 2020. Indagini in corso.

ROMA – Tragedia nella serata di sabato 2 maggio 2020 a Roma. In via Boccea un ciclista è stato travolto e ucciso da un’auto che ha fatto perdere le tracce subito dopo l’incidente.

A lanciare l’allarme è stato un passante che ha rinvenuto il corpo della vittima. Il personale del 118 non ha potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo che molto probabilmente è avvenuta sul colpo. Sarà l’autopsia ad accertare le cause del decesso.

Indagini in corso

La Procura ha aperto un’indagine per risalire all’identità dell’uomo che ha travolto e ucciso il ciclista. Il lockdown non facilita il compito degli inquirenti visto che non ci sono testimoni. Gli agenti della Polizia Municipale sono riusciti a recuperare alcuni frammenti dell’auto che potrebbero consentire di risalire al conducente dell’auto che, invece di chiamare i soccorsi, ha fatto perdere le sue tracce.

Al vaglio anche le telecamere di videosorveglianza con i filmati che potrebbero aver ripreso il momento dell’impatto. Massimo riserbo sull’identità dell’uomo e sui dettagli di questo incidente che rimangono ancora da stabilire.

Incidente bicicletta
Incidente bicicletta

Incidente sull’A1 a Modena, morto un autotrasportatore

L’incidente di Roma è avvenuto poche ore dopo quello di Modena. Un autotrasportatore ha perso la vita sull’autostrada A1 dopo che il suo mezzo pesante si è ribaltato nel territorio emiliano.

Molto probabilmente la tragedia è stata causata da un colpo di senno con il tir che prima è finito contro un guardrail e il camionista sbalzato fuori. Immediata la chiamata ai soccorsi ma per il conducente non c’era più niente da fare. L’uomo era originario della provincia di Salerno. Il tratto di strada è stato chiuso per effettuare tutti i rilievi del caso e rimuovere i resti del mezzo.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Fase 2: chi sono i congiunti? È possibile spostarsi tra Regioni? Le indicazioni del governo

È già liberi tutti: pochi controlli e troppe persone in strada