Centinaia di cittadini stanno lasciando la Russia subito dopo le sanzioni decise dall’Unione Europea e dagli Usa.

MOSCA (RUSSIA) – Centinaia di cittadini stanno lasciando la Russia subito dopo le sanzioni decise dall’Unione Europea e dagli Usa. Secondo quanto riferito Il Post, sono molte le persone che stanno raggiungendo la Finlandia per mettersi in un posto più sicuro dal punto di vista economico viste le restrizioni che potrebbero essere ancora in arrivo.

Un braccio di ferro che rischia di penalizzare, come ben sappiamo, i cittadini e per questo motivo da tempo si spera di trovare una soluzione per riuscire a mettere la parola fine al conflitto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Putin pronto a sanzionare l’Europa

Putin è pronto a sanzionare l’Europa. Secondo le ultime informazioni che arrivano dalla Russia, il presidente ha dato l’ok al Gabinetto dei Ministri di trovare i Paesi che hanno deciso di mettere in campo le restrizioni contro questi Stati.

Un braccio di ferro che rischia di non portare a nulla se non a un vero e proprio danno ai cittadini. Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni e si riuscirà, anche se le difficoltà ci sono, ad arrivare ad un’intesa per evitare qualsiasi danno ai propri cittadini.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

La situazione tra Russia e Ucraina

La situazione tra Russia e Ucraina è in continua evoluzione. Fino a questo momento, come abbiamo detto in più di un’occasione, sembra essere davvero complicato trovare un accordo che possa mettere fine ad un conflitto.

Ma, come detto, vedremo quello che succederà e se alla fine si riuscirà ad arrivare a quella intesa che si spera ormai da tanto tempo per poter chiudere questa guerra e consentire a tutti gli abitanti di ritornare a vivere in maniera normale. Ma la strada, come detto, continua ad essere complicata e non sarà per nulla semplice riuscire a trovare questa intesa.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Ucraina, Armani dona 500mila euro e abiti per i profughi

Kiev: boom di prenotazioni su Airbnb