Giorgio Armani ha deciso di donare 500mila euro e abiti per i profughi ucraini. Un grande gesto molto apprezzato sui social.

ROMA – Giorgio Armani scende in campo in prima persona per aiutare le popolazioni colpite dalla guerra in questi ultimi giorni. Secondo quanto scritto da TgCom24, lo stilista ha deciso di donare 500mila euro e gli abiti ai profughi ucraini.

Si tratta di un gesto arrivato poco dopo la decisione di far rispettare un minuto di silenzio in segno di solidarietà all’Ucraina. Vedremo se successivamente ci saranno altre decisioni da parte dello stilista in favore di una popolazione che continua a fare i conti con un conflitto che sembra essere senza fine.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Giorgio Armani in campo per l’Ucraina

Un Giorgio Armani che ha deciso di scendere in campo in prima persona per aiutare la popolazione dell’Ucraina. Non è la prima volta che lo stilista prende una posizione ufficiale, ma questa volta ha fatto un gesto molto apprezzato sui social.

Donati 500mila euro ai profughi ucraini oltre che abiti per tutti. Si tratta di una scelta, come detto, molto apprezzata sui da parte degli italiani e vedremo se in futuro ci saranno altre decisioni da parte dello stilista sempre in favore di una popolazione che continua ad essere in difficoltà dopo lo scoppio della guerra.

Giorgio Armani
Giorgio Armani

Le difficoltà economiche in Ucraina

Le difficoltà economiche in Ucraina sono diverse soprattutto dopo lo scoppio della guerra. Gli aiuti non mancano e sono molte le associazioni intenzionate in futuro a scendere in campo per poter aiutare la popolazione in questo momento non assolutamente semplice.

Vedremo cosa succederà in futuro e se ci saranno altre decisioni simili. Sicuramente il gesto di Armani è stato molto apprezzato sui social e questo consentirà allo stilista di proseguire la propria linea anche nelle prossime settimane sempre in aiuto di questa popolazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Guerra in Ucraina, possibili attacchi hacker in Italia

Sanzioni contro la Russia, centinaia di cittadini stanno lasciando il Paese