Se si vive all’interno di un condominio, ci sono alcune spese che devono essere sostenute in autonomia, ed altre che invece che devono essere equamente ripartite tra tutti i condomini. Questa ripartizione si fa sulla base di tabelle dette “millesimali”: ecco come si fa il calcolo nel caso del riscaldamento.

Per ogni appartamento di un condominio possiede un impianto di riscaldamento autonomo, il problema non si pone; ma ne caso in cui l’impianto di riscaldamento sia centralizzato, come sapere qual è la cifra esatta che compete ad ognuno da pagare?

La quota di millesimi spettante ad ogni condomino può essere decisa, nel caso del riscaldamento, su tre criteri:

  • i metri cubi riscaldati, ovvero la cubatura dei singoli appartamenti, che richiederanno diverse quantità di energia per essere scaldati;
  • la superficie radiante, ovvero il numero di caloriferi di cui si dispone, tenendo anche presente se sono tutti della stessa tipologia e quindi potenza;
  • il criterio misto, quello più usato, che considera al 50% la cubatura e al 50% la superficie radiante.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcolo millesimi riscaldamento

ultimo aggiornamento: 26-08-2014


Come calcolare i millesimi di una casa

Differenza tra mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile