Siete preoccupati di non saper come chiudere un conto corrente postale? La procedura da seguire non è complicata ma le tempistiche possono essere molto lunghe.

Non sapete come chiudere un conto corrente postale e volete ottenere maggiori informazioni? Questo articolo fa al caso vostro. Le proposte disponibili con le Poste Italiane sono diverse, dovete solo trovare la procedura più veloce e immediata per ottenere un grande livello di soddisfazione.

Siete stufi di non poter ottenere un servizio pari a quello di una banca? Le soluzioni online non mancano ma non sapete come chiudere un conto corrente postale?

Procedura per come chiudere il conto in posta

La prima cosa da consegnare per sapere come chiudere un conto corrente postale è la carta bancomat a voi assegnata e il libretto assegni. Il deposito che avete stipulato all’atto della registrazione è a tempo indeterminato? Allora non vi resta che inviare una richiesta scritta, inviando via posta il modulo per chi cerca come chiudere il conto corrente postale.

Basta scaricare il documento nella sezione moduli sul sito delle Poste e procedere con la richiesta.

Come chiudere un conto corrente postale: Zero spese

Siete preoccupati per i costi relativi alla chiusura del conto corrente in posta? Non dovete preoccuparvi di nulla visto che il recesso è disponibile a costo zero, senza penali e può essere richiesto in qualsiasi momento. Grazie alle normative relative ai consumatori, da oggi è possibile chiudere un conto corrente in Posta senza problemi di alcun tipo.

In un lasso di tempo che copre al massimo 30 giorni lavorativi, il vostro conto corrente postale sarà chiuso e il saldo disponibile al momento della chiusura, verrà inviato sul nuovo conto coerente. Non vi resta che procedere per scoprire come chiudere un conto corrente postale senza particolari problemi e senza limiti di alcun tipo e vincoli.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 31-03-2017


Come aprire conto corrente postale: Soluzioni proposte dalla Posta

Cos’è il pignoramento presso terzi e quali sono gli obblighi del terzo pignorato?