E’ ufficialmente online Mediaset Infinity, la piattaforma che unisce l’offerta della tv a una ricca sezione on demand. Ecco tutti i dettagli.

ROMA – Ha preso ufficialmente il via Mediaset Infinity, la piattaforma che ha come principale obiettivo quello di unire l’offerta delle televisione pubblica a una ricca sezione on demand. Si tratta di una novità assoluta in questo senso ed è destinata in poco tempo a diventare leader del settore.

Da capire se in futuro anche la Rai reagirà e metterà a disposizione degli utenti un servizio simile. Al momento, la differenza maggiore senza essere rappresentata dai film a disposizione degli utenti. Ma da precisare che il canale web della Rai non ha particolari costi.

Come funziona Mediaset Infinity

Mediaset ha deciso di rinnovarsi e lanciare una piattaforma che si articola in tre sezioni. Nella prima parte c’è la possibilità di recuperare o rivedere (ma anche vedere in diretta) programmi e film che sono stati trasmessi sulla televisione pubblica.

La novità è rappresentata sicuramente dalla sezione a pagamento presa in eredità da Infinity. In questo caso, come riportato dal sito di Sorrisi e Canzoni, ci sarà la possibilità al prezzo di 7,99 euro al mese di vedere molti film di prima fascia oltre che la Champions League.

Mediaset Infinity
fonte foto https://www.facebook.com/MediasetInfinity

Mediaset cambia e si candida ad essere il leader del settore

La novità di Mediaset è sicuramente importante e destinata a cambiare il settore dello streaming. Il Biscione con questa scelta sembra essere il favorito a diventare il leader del settore. Da capire come si muoverà nei prossimi giorni la Rai sulla questione.

Il prossimo autunno rischia di essere un passaggio fondamentale in questo braccio di ferro per cercare di attirare il maggior numero di giovani. I punti da chiarire sono ancora diversi e lo si farà solamente dopo aver presentato il palinsesto della stagione 2021-2022.


Aumentano i prezzi di ombrelloni e lettini

Tragedia Mottarone, dalla Germania: “Il forchettone c’era già nel 2014”