I Comuni di varie città italiane si stanno adoperando per offrire ai cittadini la possibilità di ospitare dei profughi dall’Ucraina.

Più di un milione e mezzo di profughi. Questi i drammatici numeri della guerra che si sta attualmente svolgendo in Ucraina. Dallo scorso 24 febbraio, questi sono i numeri dell’emergenza umanitaria attualmente presente in Europa. La fuga che si sta svolgendo, a detta di Filippo Grandi, l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, è “la crisi di profughi più veloce in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale”. Parole che non fanno presagire nulla di buono, oltre a delineare la drammatica situazione degli ucraini.

In Italia sono giunti 14.237 cittadini ucraini. Parliamo di 7.052 donne, 1.459 uomini e 5.726 minori. Le destinazioni principali, a detta del Viminale, sembrano essere “Roma, Napoli, Bologna e Milano”, dove gli ucraini raggiungono i loro familiari e conoscenti presenti sul suolo italiano.

bandiera ucraina
La bandiera dell’Ucraina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

In che modo posso ospitare i profughi ucraini?

Chi volesse ospitare gli ucraini in fuga dalla guerra può farlo in diversi modi. I Comuni di molte città stanno attivando delle modalità per rendere possibile tale supporto, anche tramite collaborazioni con organizzazioni quali Croce Rossa o Caritas. I cittadini italiani che vogliono accogliere i profughi ucraini possono rivolgersi alla prefettura del Comune di residenza, o monitorare i siti del Comune, della Regione e delle organizzazioni che operano sul territorio, in modo da vedere se sono state attivate delle iniziative specifiche.

I milanesi possono contattare il Consolato ucraino, che ha attivato un ufficio per raccogliere le segnalazioni dei profughi in arrivo e le disponibilità dei cittadini ad accoglierli. In alternativa, si può contattare Caritas ambrosiana all’indirizzo mail stranieri@caritasambrosiana.it. La mail da contattare se si è di Roma è emergenze.ucraina@comune.roma.it, per mettersi in contatto con la task force capitolina. A Lucca, ci sta pensando la Caritas, tramite la mail caritas@diocesilucca.it. Nella città di Bologna, si può contattare la mail bolognaperucraina@comune.bologna.it. A Napoli, invece, basta visitare il sito del Comune di Napoli.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-03-2022


Bill Cosby: condannato per molestie, scarcerato per un vizio di forma

Ucraina, il patriarca di Mosca con Putin: “La guerra combatte le lobby gay”