Parigi si ferma in occasione della commemorazione delle vittime di Charlie Hebdo

A quattro anni dalla strage di Charlie Hebdo la commemorazione di Parigi. La cerimonia sul luogo dell’attacco.

A quattro anni dalla strage di Charlie Hebdo, Parigi si è fermata in occasione della commemorazione delle vittime, rimaste uccise in occasione dell’attacco terroristico condotto contro il giornale satirico che aveva messo in prima pagina Maometto in una vignetta ritenuta offensiva.

Ambulanza Francia
fonte foto https://twitter.com/MediasetTgcom24

Attacco a Charlie Hebdo, la commemorazione

Parigi ovviamente non dimentica e quattro anni dopo il primo attacco dell’Isis in Europa la Francia ha deciso di fermarsi per commemorare le vittime.. Presenti alla cerimonia per la commemorazione dell’attacco al giornale satirico gli esponenti dei principali stati europei oltre che ovviamente il ministro dell’interno francese Christophe Castaner e il sindaco di Parigi Anne Hidalgo.

L’attacco a Charlie Hebdo

L’attacco a Charlie Hebdo è stato visto in tutta Europa come un attacco contro la libertà di stampa, un gesto violento che per un momento ha spinto l’Europa a fare fronte comune contro la minaccia terroristica. Per giorni tutti, o meglio molti, si sono sentiti Charlie Hebdo, hanno avuto paura di poter essere attaccati solo per un disegno, una vignetta, una parola.

Il nuovo volto del terrorismo: l’Isis

Charlie Hebdo furono le Torri Gemelle dell’Europa, con l’Isis che aveva trasformato il terrorismo in un vero e proprio Stato che aveva a suo modo dichiarato guerra al mondo occidentale. Dopo l’attacco in Francia il mondo occidentale scoprì anche per la prima volta la campagna di arruolamento svolta dal Califfato sui social network, dove nel corso degli anni centinati di persone hanno deciso di abbracciare la lotta contro gli infedeli.

ultimo aggiornamento: 07-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X