I giudici del Texas hanno condannato a 40 anni Amanda Hawkins, che nel giugno del 2017 ha lasciato le due figlie in macchina. Le bimbe sono morte poco dopo.

AUSTIN (TEXAS) – Nessuno sconto per Amanda Hawkins. La donna è stata condannata in Texas a 40 anni di carcere per aver lasciato in macchina le sue figlie per diverse ore tra il 6 e il 7 giugno 2017. Vano il tentativo di portarle in ospedale. Le due bimbe – rispettivamente di uno e due anni – sono decedute poco dopo. La vicenda aveva fatto discutere in tutto il mondo con la sentenza che ha riconosciuto la piena colpevolezza della madre, che dovrà scontare quasi il resto della sua vita in prigione.

Polizia Stati Uniti
fonte foto https://twitter.com/BinaryOptionEU

Lascia le bimbe in macchina per andare ad una festa: mamma in Texas condannata

La donna – secondo quanto raccontato dai medici – aveva dichiarato che le due bambine erano svenute per aver annusato dei fiori di un lago. Una testimonianza che non ha mai pienamente convinto gli inquirenti che hanno approfondito la situazione arrivando in poco tempo alla verità. La madre – ai tempi diciannovenne – quella notte era andata ad una festa ed aveva lasciato le piccole in auto per almeno 18 ore con la temperatura che raggiungeva anche i 40°.

Molte persone le avevano fatto notare che le figlie piangevano ma lei ha rassicurato tutti dicendo “di non preoccuparsi perché volevano solo dormire“.

Un atto volontario quindi da parte della donna che è costato molto caro. I giudici del Texas l’hanno condannata a 40 anni di carcere per l’omicidio delle due figlie. Da capire se la difesa presenterà ricorso ma difficilmente ci sarà un cambio di decisione in questo senso, visto il clamore mediatico che la vicenda ha causato negli ultimi mesi. Una sentenza esemplare che potrebbe essere presa d’esempio nelle prossime sentenze di casi simili.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/bruna.gazzelloni/?tn-str=k*F


Caso Marò, a L’Aja l’udienza finale: sentenza attesa dopo sei mesi

RSF, il 2018 anno nero per i giornalisti: 80 i morti