Oggi possiamo condividere le presentazioni di PowerPoint in molti modi diversi. Vediamo quelli più semplici, pratici e veloci per farlo.

condividere le presentazioni di PowerPoint oggi può essere complesso, soprattutto perché spesso il peso complessivo dei file, specialmente se lavoriamo con immagini in alta risoluzione e filmati, tende a superare piuttosto velocemente il limite di quanto possiamo inviare per posta elettronica. Il modo più pratico per farlo è utilizzare il Cloud, che ha anche il vantaggio di permettere a chi riceve la presentazione di visualizzarla senza bisogno di applicazioni, ma con un semplice browser.

Al giorno d’oggi per condividere un documento di PowerPoint, o di Office in generale, abbiamo soltanto bisogno di un account di OneDrive.

Ecco come condividere le presentazioni di PowerPoint in modo semplice e veloce attraverso il Cloud di Microsoft.

Come fare per condividere una presentazione di PowerPoint

Possiamo salvare una presentazione PowerPoint sul cloud in maniera molto facile e veloce.

Il requisito da cui dobbiamo partire è però il possesso di un account OneDrive.
Se utilizziamo Office365 ne abbiamo obbligatoriamente già uno ma, in caso contrario, dobbiamo crearne uno sul sito ufficiale per poterne sfruttare le caratteristiche. Consideriamo che anche la semplice versione gratuita ha tutto quello che ci serve per condividere le presentazioni.

Questo articolo presuppone che abbiamo già un account OneDrive.

Fatto ciò apriamo la presentazione PowerPoint che vogliamo condividere e, nell’alto in angolo a destra della finestra, facciamo clic sul pulsante condividi.

Una volta selezionato apparirà la finestra condividi con diverse opzioni selezionabili.

Nella parte bassa dello schemo troveremo la categoria allega una copia con opzioni come invia una copia o invia un pdf mentre, nella parte alta della piccola finestra, troveremo la scritta carica la presentazione in OneDrive per condividerla con sotto il nostro account.

Se non avremo ancora dato un nome alla presentazione ci verrà richiesto di farlo.
Dopo averle dato un nome facciamo clic su ok per proseguire.

A questo punto la presentazione sarà effettivamente nel cloud e dovremo scegliere come condividerla.

Diverse possibilità di invio

Avremo diversi modi per effettuare la condivisione: possiamo generare un link che porta immediatamente al nostro OneDrive, possiamo inviare per email il link utilizzando il client di posta che abbiamo impostato come predefinito come il sistema operativo, possiamo inviare attraverso la messaggistica di onedrive un link di condivisione.

La finestra di condivisione ci permetterà di fare anche altre due cose: impostare permessi o autorizzazioni per il documento e generare delle copie del documento, sia in formato .pptx sia in formato .pdf.

condividere presentazioni powerpoint

Per modificare i permessi facciamo clic sul primo riquadro, quello con scritto chiunque abbia il collegamento può modificare. A questo punto possiamo scegliere se permettere la modifica dei file (applicando il segno di spunta su consenti modifica) o se abilitare la modalità di sola lettura.

Volendo possiamo abilitare le modifiche al documento soltanto per una quantità limitata di tempo o soltanto dietro l’utilizzo di una password, il tutto compilando i campi chiamati imposta data di scadenza e imposta password.

Assicuriamoci di avvertire il destinatario della nostra email di controllare anche nella cartella spam l’eventuale presenza dell’email con dentro il link di condivisione. Infatti non è infrequente che i messaggi di questo tipo finiscano nello spam, soprattutto se il nostro contatto non riceve abitualmente messaggi di posta dall’account Microsoft che abbiamo usato per la condivisione.

In base a come abbiamo regolato i permessi di utilizzo, la condivisione di un link di Microsoft OneDrive permette a chi apre il link di avere accesso alla presentazione in tempo reale, permettendo una collaborazione tra più utenti in maniera rapida.

Fonte foto copertina: pixabay.com/it/photos/apple-mac-computer-desktop-monitor-691282/


Come ascoltare le radio di tutto il mondo con Internet Radio

Quanto vale un sito Web? Ecco come valutarlo