I furgoni frigo sono dei veicoli di un tipo speciale destinati al trasporto di merci congelate e raffreddate in piccole quantità.

Al suo interno temperatura impostata viene mantenuta per un lungo periodo di tempo. I veicoli speciali vengono utilizzati per il trasporto di merci che richiedono condizioni speciali (temperatura, umidità). In caso in cui c’è bisogno di un tale veicolo, è possibile visitare il portale specializzato https://autoline24.it/-/furgoni-frigo–c77 , dove ci sono i furgoni frigo di vari produttori. Inoltre sul portale è possibile acquistare anche i componenti e ricambi per questi veicoli.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

camion convoglio autotrasporti

Caratteristiche del funzionamento dei furgoni frigo

I furgoni frigo raffigurano un cassone con vano di carico isotermico, completato da un gruppo frigorifero. L’impianto di raffreddamento è controllato dalla cabina di guida. Per mantenere una temperatura stabile durante l’intero periodo di trasporto, all’interno del vano di carico è prevista la libera circolazione dell’aria.

I furgoni frigo non vengono utilizzati per congelare le merci. I prodotti che vengono caricati sul veicolo devono essere precongelati alla temperatura richiesta. Lo scopo del veicolo è quello di mantenere le condizioni di temperatura e umidità ottimali.

I furgoni frigo hanno requisiti elevati per l’isolamento termico delle superfici di chiusura del vano di carico. Sono realizzati con pannelli sandwich con uno spessore di 100 mm e fissati con elementi di fissaggio speciali. Le porte sono sigillate con guarnizioni speciali. Inoltre, come isolante termico può essere utilizzata la schiuma, materiale a lastre o rotoli. Il materiale viene ammontato tra il rivestimento esterno e quello interno.

Settore dellʼutilizzo e varietà dei furgoni frigo

I furgoni frigo vengono utilizzati per il trasporto di prodotti deperibili sia all’interno degli insediamenti che su lunghe distanze.

I prodotti deperibili includono:

  • carne e pesce;
  • verdure e frutta;
  • latte e latticini;
  • farmaci;
  • semilavorati surgelati;
  • fiori;
  • varie sostanze chimiche.

La maggior parte dei veicoli di questo tipo è in grado di mantenere la temperatura interna da -25 a + 12 ℃. Per questo sono indispensabili per le imprese che necessitano di trasportare dei prodotti finiti o materie prime su lunghe distanze.

I furgoni frigo vengono divisi in classi a seconda della temperatura che sono in grado di mantenere per 12 ore, indipendentemente dalle condizioni climatiche esterne:

  1. А – mantiene la temperatura da +12 a 0 ℃. Viene utilizzata per trasportare latticini, prodotti medici, fiori, verdure e frutta.
  2. В – da +12 a -10℃. Viene utilizzata per il trasporto di carne, pesce, latticini raffreddati.
  3. С – da +12 a -20℃. Adatta al trasporto di prodotti raffreddati o congelati.
  4. D – non più di +2℃. Viene utilizzata per il trasporto di fiori, latticini.
  5. E – meno di -10℃. Adatta per il trasporto esclusivamente dei prodotti congelati.
  6. F – meno di -20℃. Viene utilizzata per il trasporto di prodotti surgelati.

Particolarità della scelta dei furgoni frigo

Al momento dell’acquisto di un furgone frigo, viene preso in considerazione per quali scopi verrà utilizzato, il che influisce sulla scelta della classe e sulla struttura del veicolo. Le unità di refrigerazione per tali veicoli possono essere montate sul tetto e frontali. A seconda del tipo di azionamento, sono suddivisi in sistemi autonomi ed eutettici, collegati all’alimentazione di un motore o di un generatore di un veicolo.

Se i furgoni frigo verranno utilizzati per il trasporto simultaneo di diversi gruppi di prodotti, è meglio scegliere veicoli con le sezioni ermeticamente chiuse. Forniscono diversi regimi di temperatura per ogni gruppo di merci. Quando si trasportano merci su lunghe distanze, è meglio scegliere i veicoli con unità di refrigerazione autonome. Ciò garantisce una maggiore sicurezza della merce trasportata.

ultimo aggiornamento: 08-10-2021


Quattro regioni a rischio moderato, incidenza in calo e Rt stabile: il monitoraggio Iss dell’8 ottobre

Come investire in criptovalute oggi: ecco le strategie più gettonate