Controllare il traffico Internet non serve solo a chi ha le connessioni a consumo, ma anche a chi vuole sapere cosa succede nella sua rete.

Sapere quali applicazioni usano la nostra rete e controllare il traffico Internet può servirci in molti casi. La prima cosa che ci viene in mente sono le connessioni a consumo, ma ci sono numerose altri casi in cui questa informazione ci può essere utile.

Uno su tutti è in caso in cui Internet ci sembra lento. Magari la connessione è perfetta, ma uno dei programmi o delle App del nostro computer la sta usando pesantemente per qualche motivo.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Controllo traffico Internet, Windows ha due ottimi strumenti

Per fortuna, non ci serve installare applicazioni o strumenti per controllare rapidamente. Infatti Windows include, almeno dai tempi di Windows 7, un monitor per il traffico di dati, incluso fra gli strumenti di sistema.

Semplicemente, come succede spesso per Windows, bisogna sapere dove guardare. Ecco qui come fare.

Come controllare il traffico Internet in Windows

Le prime due parti di questa guida sono state realizzate utilizzando Windows 10, ma funzionano perfettamente anche con le versioni precedenti, almeno fino a Windows 7.

La prima cosa da fare è aprire gestione attività (o Task Manager), facendo click con il tasto destro sulla barra delle applicazioni.

Aprire gestione attivita windows 10

Se la finestra che si apre è del tipo “compatto”, facciamo click su più dettagli, altrimenti proseguiamo.

Task manager piu dettagli

In Windows 10 già la prima schermata ci mostra una indicazione: la colonna Rete infatti mostra quali programmi e applicazioni stanno usando la rete, e quanto. Anche se le unità di misura ci dicono poco, possiamo aiutarci ordinando i dati e controllando i colori: Windows infatti indica con un colore più scuro quando l’uso di una risorsa è molto alto.

Monitoraggio connessione task manager

Per la verità non si tratta di un conteggio preciso al 100%: alcune funzioni del sistema potrebbero usare Internet e non essere elencate, inoltre qui viene conteggiato anche l’utilizzo della rete locale. Tuttavia è già una prima indicazione.

Se vogliamo saperne di più, o se abbiamo una versione di Windows precedente, apriamo la scheda Prestazioni

Monitor traffico Dati: Monitoraggio Risorse ha i dettagli

Controllare traffico Internet Prestazioni

Dalla scheda Prestazioni facciamo click su Apri Monitoraggio Risorse. Nella finestra che si apre facciamo click sulla scheda Rete. Qui potremo vedere in modo preciso quali processi stanno utilizzando la Rete, compresi quelli di sistema.

Controllare traffico Internet monitoraggio risorse

Se non ne conosciamo qualcuno, una rapida ricerca su Internet ci permetterà di capire di cosa di tratta e fugare ogni dubbio.

Windows 10 ha anche un monitor per il traffico dati

Se invece vogliamo sapere quali applicazioni hanno usato di più Internet in un certo periodo di tempo, Windows 10 ci può aiutare. Nelle nuove impostazioni infatti è presente uno strumento che ci mostra i dati consumati negli ultimi 30 giorni, per qualsiasi connessione.

Per raggiungerlo, apriamo le Impostazioni, quindi facciamo click su Rete e Internet.

Impostazioni Windows Rete Internet

Nella nuova finestra che si apre spostiamoci su Consumo Dati. In corrispondenza di Panoramica facciamo click su Visualizza l’uso per App.

Controllare traffico Internet consumo dati Windows

La finestra che ci apre ci mostra quali applicazioni hanno usato la connessione a Internet negli ultimi 30 giorni e la quantità di dati che hanno utilizzato.

Controllare traffico Internet consumo mensile

Si tratta di un ottimo strumento per capire cosa “pesa” sulla nostra rete. Un dato utilissimo per le connessioni a consumo, ma utile anche per chi non ha la fortuna di avere una connessione a banda larghissima, per capire cosa disattivare quando serve avere a disposizione tutta la connessione possibile.

Fonte foto copertina: unsplash.com/photos/eH_ftJYhaTY

ultimo aggiornamento: 08-07-2019


Come disattivare l’email dinamica in Gmail

Come risparmiare giga quando usiamo YouTube