Il 5 luglio 1972 si gioca la finale di Coppa Italia Milan-Napoli. All’Olimpico si impongono i rossoneri per 2 a 0.

Nel 1972 il Milan si presenta ai nastri di partenza con l’ambizione di primeggiare in tutte le competizioni. In campionato, un finale polemico (squalifica a Rivera, ndr) si chiude con la vittoria dello scudetto da parte della Juventus con i rossoneri e il Torino a un solo punto di distanza. Nella nuova manifestazione continentale, la Coppa Uefa, il Diavolo arriva fino alle semifinali.

Il cammino in Coppa Italia

Il torneo della coppa nazionale inizia a settembre, con il 1° turno in fase a girone, che il Milan vince su Mantova, Novara, Catania e Monza. Poi, al termine del campionato, la Coppa Italia entra nella fase finale. Nel girone semifinale i rossoneri sono inseriti in un gruppo di ferro con Juventus, Torino e Inter. Rivera e compagni giocano in modo impeccabile, guadagnandosi l’accesso alla finalissima.

5 luglio, la finalissima Milan-Napoli

Così, il 5 luglio 1972 si gioca l’ultimo atto della Coppa Italia all’Olimpico di Roma. In gara unica, Milan-Napoli. Queste le formazioni sul terreno di gioco:
MILAN: Cudicini, Sabadini, Zignoli, Anquilletti, Schnellinger, Rosato, Golin, Biasiolo, Bigon, Rivera, Prati.
NAPOLI: Zoff, Pogliana, Vianello, Zurlini, Panzanato, Perego, Pincelli, Juliano, Sormani, Improta, Macchi.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Roberto Rosato (fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Roberto_Rosato#/media/File:Roberto_Rosato.jpg)

Superiorità nella ripresa

Nel primo tempo il match si mantiene in equilibrio. Nel secondo tempo però il Milan aumenta i giri del proprio motore e al 49′ su un tiro di Prati c’è l’autorete di Panzanato che beffa Zoff. I rossoneri gestiscono bene il risultato prima di chiudere i conti con un gran gol di Rosato, il quale dopo aver dribblato un avversario scaglia in rete un potente destro. Partita chiusa e Coppa Italia in bacheca.

ultimo aggiornamento: 27-01-2019


Milan-Napoli, Gennaro Gattuso nel post partita: la prestazione mi è piaciuta ma possiamo migliorare

Inter, Cedric Soares si presenta: “Spero di essere utile al progetto”