Coronavirus in Italia, gli ospedali riaprono i reparti Covid. Si prospetta un autunno difficile ma il Paese è più preparato rispetto a sei mesi fa.

Gli ospedali italiani si preparano a un possibile aumento dei casi (e soprattutto di ricoveri) di coronavirus e riaprono i reparti Covid, oltre alle strutture dedicate all’assistenza dei soggetti positivi, i cosiddetti Covid Hospital.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, negli ospedali riaprono i reparti Covid e i Covid Hospital

Dopo la pausa estiva, caratterizzata da un incremento minimo dei casi e di ricoveri, riaprono i Covid Hospital e i reparti Covid degli ospedali.

Stando alle stime del Ministero della Salute, l’Italia dovrebbe fronteggiare la nuova situazione forte di 11.000 posti letto. Parliamo di un aumento di più del 100% dei posti a disposizione prima dell’emergenza sanitaria che ha travolto il Paese.

Al momento le Regioni calde sono il Lazio e la Campania, ma in tutto il Paese si vive in stato di allerta e si registrano movimenti nelle strutture ospedaliere. La sensazione, o meglio la previsione, è che nelle prossime settimane possa registrarsi un considerevole aumento di ricoveri per Covid. Insomma, l’autunno non sarà una passeggiata.

Terapia intensiva coronavirus

L’Italia è decisamente più preparata rispetto ai mesi duri della prima ondata dell’epidemia

C’è preoccupazione ma anche la consapevolezza che l’Italia sia decisamente più preparata rispetto ai mesi duri della prima ondata di coronavirus. Inoltre i dati mostrano che il sistema di monitoraggio funziona. Molti Paesi in Europa vivono già una nuova situazione emergenziale, mentre in Italia la situazione non è ancora allarmante nonostante il lento ma progressivo peggioramento della situazione registrato nel monitoraggio del 25 settembre a cura dell’Istituto Superiore di Sanità.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 29-09-2020


Omicidio Lecce, chi è Antonio De Marco

Il Codacons denuncia Chiara Ferragni per blasfemia