Ostia, chiuso stabilimento balneare. Avviata indagine epidemiologica.

Scatta l’allarme coronavirus a Ostia, litorale di Roma, dove è stato chiuso uno stabilimento balneare dove un uomo ha lavorato nonostante i sintomi del Covid. La struttura – la Vela – è stata chiusa dopo che l’uomo è risultato positivo al coronavirus.

La Asl ha avviato l’indagine epidemiologica per rintracciare soggetti che potrebbero essere rimasti contagiati. Analisi in corso sui dipendenti e sulle persone che hanno frequentato lo stabilimento.

Coronavirus

Coronavirus, lavoratore presso uno stabilimento balneare di Ostia positivo al coronavirus

Il lavoratore, ricoverato allo Spallanzani, ha fatto sapere di avere sintomi influenzali dal 14 luglio, mentre i primi sintomi risalirebbero al 12 luglio. Nonostante i sintomi l’uomo, originario del Bangladesh, è andato a lavorare nello stabilimento balneare a Ostia, sul litorale romano.

“Ha lavorato presso la struttura fino al 16 luglio. Questa circostanza la considero grave e chiediamo la massima responsabilità. Con la febbre e con sintomi si deve rimanere a casa e contattare un medico. Non è possibile che si vada in giro o al lavoro. Comprendo le esigenze lavorative e di proseguire nelle proprie attività, ma il rischio è troppo elevato per la collettività”, ha dichiarato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato come riportato Sky.

Spiaggia
Fonte dell’immagine: https://pixabay.com/it/photos/spiaggia-mare-vacanza-estate-acqua-4103039/

Chiuso stabilimento balneare. Avviata indagine epidemiologica

La struttura è stata chiusa dopo che l’uomo è risultato positivo al coronavirus e la Asl ha immediatamente avviato l’indagine epidemiologica per rintracciare altri soggetti che potrebbero risultare positivi al virus. Lo scopo è quello di individuare e isolare i contagiati per rompere il cerchio.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus cronaca evidenza Ostia

ultimo aggiornamento: 18-07-2020


Morto John Lewis, marciò con Martin Luther King

Dalle bombe alle fiamme, la storia della cattedrale di Nantes