Al via il nuovo anno scolastico, cosa succede in caso di studente positivo al coronavirus a scuola. Dall’isolamento al rientro in classe.

Arrivati al 14 settembre, giorno della riapertura della scuola, una delle domandi frequenti che rimbalzano sui social e sui forum è una: cosa succede in caso di coronavirus in una scuola?

Scuola
Scuola

I casi di Covid ci saranno

Non si tratta di uno scenario improbabile, anzi, il premier Conte e la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina hanno preparato il terreno facendo sapere che i contagi tra i ragazzi ci saranno.

La buona notizia è che le autorità, dando per scontata l’evenienza, hanno preparato un piano che possa tutelare i ragazzi evitando la chiusura dell’istituto.

La scuola deve andare avanti in sicurezza. È questo il piano del governo, che non vuole arrivare a una nuova sospensione dell’anno scolastico. Ma che succede di fronte a un caso di coronavirus a scuola?

Lucia Azzolina
Lucia Azzolina

Coronavirus a scuola, che succede

Proviamo a vedere cosa succede in presenza di un caso di coronavirus a scuola.

I sintomi a scuola

Se i sintomi dovessero essere evidenti dal mattino, prima dell’orario scolastico, i genitori sono invitati a non mandare il ragazzo a scuola e a rivolgersi al pediatra o al medico di riferimento.

Nel caso in cui i sintomi sintomi riconducibili al Covid dovessero emergere a scuola entra in scena il referente Covid. Il ragazzo viene isolato in uno spazio dedicato e l’istituto contatta i genitori dello studente. Questi si occuperanno di recuperare il figlio e quindi di contattare il pediatra o il medico di base che indicherà la via da seguire, ossia se procedere con il tampone o no.

Coronavirus a scuola, che succede

In caso di tampone positivo la scuola si trova a tutti gli effetti di fronte a un caso di coronavirus. Cosa succede a questo punto? Il soggetto positivo viene messo in isolamento insieme con gli altri membri della sua famiglia.

Vanno in isolamento anche i contatti stretti dello studente positivo al Covid. In linea di massima si tratta dei compagni di classe e dei docenti.

Le autorità sanitarie decideranno come procedere tra isolamento e tamponi.

Non è da escludere un secondo scenario. Potrebbe risultare positivo al coronavirus un docente. In questo caso i contatti stretti sono gli alunni con i quali ha avuto contatti nelle quarantotto ore precedenti alla manifestazione dei sintomi.

Quanto dura l’isolamento?

Il soggetto positivo al coronavirus potrà tornare a scuola dopo i due tamponi negativi in 24 ore. I compagni di classe invece potranno tornare in classe al termine dei 14 giorni di rito (che potrebbero scendere a 10) se nel frattempo non sono emersi altri casi tra i ragazzi della stessa classe.

La chiusura della scuola

Si procede con la chiusura dell’intero istituto nel caso in cui le autorità sanitarie registrino un focolaio, quindi più elementi della stessa classe positivi al Covid.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus cronaca scuola Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 16-09-2020


Processo escort, ridotta la condanna a Tarantini

Coronavirus, mascherine a prezzi gonfiati. Indaga la Procura di Roma