Coronavirus, il bilancio di sabato 25 aprile 2020. Trend in netto calo in Italia. 415 i decessi.

ROMA – Coronavirus, il bilancio di sabato 25 aprile 2020. Il trend ritorna a diminuire in Italia con numeri dei contagi ai minimi da marzo. La percentuale complessiva di crescita è stata dell’1,2% anche se i dati più importanti arrivano dal rapporto tra i tamponi e i casi individuati che è al 3,6% mentre nei giorni precedenti si aggirava intorno al 4%.

Coronavirus, il bilancio di sabato 25 aprile 2020

Il bilancio di sabato 25 aprile è di 2.357 casi positivi. Un numero più basso da marzo con la percentuale complessiva di crescita che si ferma all’1,6%. In leggerissima diminuzione anche i decessi (415 rispetto ai 420 di venerdì) mentre si mantengono stabili i guariti (2.622) che per la seconda volta sono di più dei contagi registrati. Gli attualmente positivi, invece, hanno registrato un calo di 321 unità.

L’altro dato positivo arriva dalle persone in isolamento domiciliare che, per la prima volta da inizio epidemia, hanno registrato un numero negativo (-74). Continua, invece, il trend in diminuzione dei ricoveri in terapia intensiva (-71) e di quelle ricoverate in ospedale (-535). Numeri che nei prossimi giorni dovrebbero avere degli effetti anche sui decessi.

Coronavirus

Zero contagi in Valle d’Aosta

Trend più o meno stabile in tutte le Regioni. Leggero aumento in Abruzzo, Lazio, Toscana, Sardegna, Trento, Umbria e Molise. Per il resto i numeri sono in costante diminuzione con la Valle d’Aosta che per la seconda volta ha registrato zero contagi. La Regione ora spera di poter confermare questo trend anche in futuro per poter dire di essere uscita dall’emergenza.

Per nove Regioni la crescita nelle ultime 24 ore è stata al di sotto dell’1%, dati positivi e tra queste c’è il Veneto. L’aumento maggiore in un giorno è stato registrato in Piemonte con un +2,5%.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 26-04-2020


Il coronavirus può provocare l’ictus. Dalla Scozia, vittime avrebbero vissuto dai 2 ai 13 anni in più senza il Covid

Coronavirus, il governo aggiorna le regole: ‘chi abita al mare può fare il bagno’