Coronavirus, il bilancio di giovedì 9 aprile 2020. Il trend si conferma stabile.

ROMA – Coronavirus, il bilancio di giovedì 9 aprile 2020. Ritorna il consueto appuntamento con la conferenza stampa della Protezione Civile sui numeri del coronavirus. Il trend si conferma stabile con la percentuale della crescita totale che è ferma al 2,8%.

Coronavirus, il bilancio di giovedì 9 aprile 2020

Il bilancio totale del coronavirus è di 4.204 di questi 1.615 gli attualmente positivi, 1979 i guariti e 610 i decessi. La percentuale di crescita si conferma al 2,8% visto che il leggero aumento dei contagi è dovuto anche ad un piccolo incremento dei tamponi (solo mille in più sono stati fatti in Lombardia).

Continua a diminuire la pressione sugli ospedale. 88 persone in meno in terapia intensiva e si confermano in calo anche i dati dei ricoveri. Aumentano, purtroppo, i decessi con quasi il 50% in Lombardia. La Regione con i dati odierni ha superato la soglia dei 10.000 morti da inizio pandemia. Per il resto il trend continua ad essere stabile con i guariti che, per la terza volta consecutiva, si confermano superiore agli attuali positivi.

Coronavirus
Coronavirus

105 i medici morti da inizio pandemia

Emergenza nell’emergenza sono i decessi di medici. Sono stati superati i 100 morti, per la precisione 105 alle 18:30 di giovedì 9 aprile 2020, ma il rischio è di un numero molto più alto nelle prossime settimane. Da tempo si chiede una maggiore protezione che ancora non sono arrivate.

I dati continuano a salire e giorno dopo giorno il triste bilancio si aggiorna. La speranza resta quella di arrivare in pochi giorni a fornire tutte le persone in prima linea dei dispositivi previsti per difendersi dal coronavirus. In generale la curva continua a scendere anche se non si ha un calo importante e per questo le misure dovrebbero essere prorogate nei prossimi giorni.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Come funzionerà l’app italiana ‘contro’ il coronavirus?

Emergenza coronavirus, Università e Scuola ‘studiano’ per il prossimo anno