Per la Cina il coronavirus del nuovo focolaio di Pechino potrebbe essere arrivato dall’Europa. E nel mirino degli scienziati ci finisce il salmone importato.

Pechino teme la seconda ondata di coronavirus e dalla Cina arriva lo scarico di responsabilità, ossia la giustificazione secondo cui il coronavirus del nuovo focolaio sarebbe arrivato dall’Europa. Una ricostruzione – che deve essere approvata dalla comunità scientifica internazionale prima di essere considerata effettivamente credibile e attendibile – che in qualche modo andrebbe a difendere l’immagine della Cina a zero contagi interni.

Cina, il coronavirus del nuovo focolaio a Pechino potrebbe essere arrivato dall’Europa

Dalla Cina arriva la comunicazione all’Oms: il coronavirus che ha dato vita a un nuovo focolaio a Pechino sarebbe di origine europea e sarebbe anche più vecchio di quello che circola attualmente nel vecchio continente. Questo significherebbe che sarebbe arrivato a Pechino tempo fa e molto prima di essere scoperto.

Laboratorio Coronavirus

Il salmone importato nel mirino degli scienziati cinesi

Nelle ultime ore sta prendendo piede (in Cina) l’ipotesi secondo cui il coronavirus sarebbe arrivato a Pechino attraverso il salmone importato. L’ipotesi lascia quantomeno scettica la comunità internazionale. Al momento non ci sarebbero infatti evidenze scientifiche che confermerebbero la trasmissione dal cibo all’uomo. E così anche gli scienziati cinesi hanno fatto un mezzo passo indietro.

Di seguito il tweet con il quale il Global Times ha riportato la notizia del tampone effettuato su un salmone.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cina coronavirus cronaca evidenza pechino

ultimo aggiornamento: 19-06-2020


Coronavirus, Stati Uniti a quota 118 mila morti. New York verso la Fase 2, Florida e Texas preoccupano

Morto Carlos Ruiz Zafon, autore del libro ‘L’ombra del vento’