Emergenza coronavirus in Italia, il bollettino dell’11 maggio. Meno di mille pazienti assistiti in terapia intensiva.

Dall’inizio dell’epidemia sono almeno 219.814 le persone che hanno contratto il coronavirus. Nelle ultime ventiquattro ore, stando al bollettino della Protezione Civile dell’11 maggio, si è registrata una crescita dell 0,3% (+744 casi nelle ultime 4 ore).

Buone notizie arrivano dal dato relativo ai dimessi e ai guariti. Per la prima volta dallo scorso 10 marzo si registrano meno di mille pazienti in terapia intensiva.

Nella giornata dell’11 maggio si registrano 179 decessi, in crescita rispetto ai dati del 10 maggio, quando il dato si era fermato a 165.

In questa fase assume un’importanza fondamentale il dato sui tamponi. Nell’arco temporale di riferimento sono stati effettuati 40.740 tamponi. Il rapporto è quindi di un positivo ogni 54,8 tamponi effettuati. Meno del 2% (1,8%).

Emergenza coronavirus in Italia, il bollettino dell’11 maggio

Anche nella giornata dell’11 maggio si conferma un calo dei contagi. La buona notizia è rappresentata dal numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, che scendono sotto quota 1.000 (999 per la precisione). È la prima volta dallo scorso 10 marzo.

Di seguito il post condiviso sulla pagina Facebook della Protezione Civile.

Di seguito il bollettino della Protezione Civile dell’11 maggio

“In particolare, nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 11 maggio, il totale delle persone che hanno contratto il virus è 219.814, con un incremento rispetto a ieri di 744 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 82.488, con una decrescita di 836 assistiti rispetto a ieri.

Tra gli attualmente positivi 999 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 28 pazienti rispetto a ieri. 13.539 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 79 pazienti rispetto a ieri. 67.950 persone, pari al 82% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.

Rispetto a ieri i deceduti sono 179 e portano il totale a 30.739. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 106.587, con un incremento di 1.401 persone rispetto a ieri.

Terapia intensiva coronavirus

Coronavirus in Italia, il punto Regione per Regione

Per quanto riguarda l’analisi del dato per Regioni, in Lombardia si registra un incremento dello 0,5% con 364 nuovi casi nelle ultime 4 ore. L’Emilia Romagna conferma la tendenza positiva fermandosi al +0,3%, mentre il Veneto segna diciannove nuovi casi facendo registrare un ulteriore calo.

Lombardia 81.871
Emilia-Romagna 26.876
Veneto 18.741
Piemonte 28.776
Marche 6.543
Liguria 8.832
Campania 4.602
Toscana 9.787
Sicilia 3.339
Lazio 7.190
Friuli-Venezia Giulia 3.138
Abruzzo 3.107
Puglia 4.327
Umbria 1.412
Bolzano 2.572
Calabria 1.134
Sardegna 1.343
Valle d’Aosta 1.158
Trento 4.297
Molise 383
Basilicata 386

Di seguito il dato della Protezione Civile sugli attualmente positivi in tutte le Regioni

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 30.411 in Lombardia, 13.338 in Piemonte, 7.040 in Emilia-Romagna, 5.460 in Veneto, 4.073 in Toscana, 2.844 in Liguria, 4.294 nel Lazio, 3.227 nelle Marche, 1.909 in Campania, 735 nella Provincia autonoma di Trento, 2.544 in Puglia, 2.062 in Sicilia, 830 in Friuli Venezia Giulia, 1.609 in Abruzzo, 447 nella Provincia autonoma di Bolzano, 108 in Umbria, 511 in Sardegna, 107 in Valle d’Aosta, 568 in Calabria, 142 in Basilicata e 229 in Molise.


Coronavirus, sarà sicuro andare a mare? Ci sono rischi legati alla sabbia?

Mafia, 91 arresti: le cosche pronte a depredare le aziende in crisi per il Covid-19